• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro, locali gratuiti dalla Provincia per gli esami di avvocato
    Catanzaro, locali gratuiti dalla Provincia per gli esami di avvocato

    Catanzaro, locali gratuiti dalla Provincia per gli esami di avvocato

    L’Amministrazione provinciale di Catanzaro metterà a disposizione a titolo gratuito i locali necessari allo svolgimento delle prove scritte degli esami di avvocato che si svolgeranno, come di consueto, nel mese di dicembre. A darne notizia, secondo quanto riferisce un comunicato dell’ufficio stampa dell’ente, il presidente della Provincia, Enzo Bruno, che assieme al dirigente del settore Patrimonio, architetto Pantaleone Narciso ha partecipato alla conferenza permanente in forma di tavolo tecnico, convocata dal presidente della Corte d’Appello di Catanzaro, Domenico Introcaso. I locali messi a disposizione sono di pertinenza del liceo scientifico “Fermi” e dell’istituto magistrale “Cassiodoro” ubicati nel quartiere Lido del capoluogo. “La Provincia di Catanzaro, nel corso della riunione che si è configurata come positiva e proficua – ha affermato il presidente Bruno – ha dato immediatamente la propria disponibilità ad individuare strutture idonee allo svolgimento degli esami di avvocato che interesseranno circa 1.300 candidati, scongiurando quindi l’ipotesi di procedere con lo svolgimento degli esami in immobili ubicati in altre province. Ad esprimere la propria soddisfazione per la conclusione positiva dell’interlocuzione sollecitata dalla presidenza della Corte d’Appello, il presidente del Consiglio dell’Ordine distrettuale degli Avvocati, Pino Iannello. “L’Ordine di Catanzaro e tutti gli avvocati – ha detto – sono grati al presidente della Provincia di Catanzaro Enzo Bruno per la grande disponibilità dimostrata nel riuscire a risolvere un problema importante, delicato e grave che interessa tantissimi giovani avvocati”. A ringraziare il presidente della Provincia di Catanzaro per la risoluzione positiva della questione anche la dirigente scolastica degli istituti superiori interessati, la professoressa Teresa Agosto.