• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro – Psc: incarichi gratuiti. Il Consiglio di Stato dà ragione al Comune

    Catanzaro – Psc: incarichi gratuiti. Il Consiglio di Stato dà ragione al Comune

    Gli incarichi professionali gratuiti per la redazione di uno strumento urbanistico sono stati riconosciuti legittimi dal Consiglio di Stato con una sentenza destinata ad avere notevole rilievo in campo nazionale nei rapporti tra Enti Locali e professionisti. Accogliendo l’appello del Comune di Catanzaro contro una precedente sentenza del TAR, il Consiglio ha ritenuto del tutto legittimi e corretti gli atti prodotti dall’Amministrazione e soprattutto pertinenti le motivazioni che riguardavano la necessità di contenere la spesa pubblica.

    Attraverso il bando ritenuto legittimo dal Consiglio di Stato il Comune di Catanzaro risparmierà più di mezzo milione di euro, essendo questa la differenza tra la stima del costo delle prestazioni professionali a tariffa (800mila euro) e la previsione di 250mila euro per i rimborsi spese da assegnare, in maniera documentata, ai professionisti incaricati gratuitamente .Il bando, inoltre, era strutturato in modo da garantire comunque la comparazione delle offerte e la serietà e trasparenza in fase di scelta del contraente professionista incaricato.

    Ma c’è un altro elemento di notevole novità introdotto dal Consiglio di Stato che nei fatti equipara l’incarico gratuito ad un contratto di sponsorizzazione con un’evidente “utilità” per il professionista che può usare promozionalmente l’immagine della cosa di titolarità pubblica. In altre parole, se è vero che per l’Amministrazione è un’azione finanziariamente non onerosa che non comporta un’uscita finanziaria, è altrettanto vero che comunque genera un interesse economico attivo per lo sponsor, insito in un prodotto immateriale dal valore aggiunto che va a suo vantaggio, come scrive il Consiglio di Stato.

    Una vittoria a largo raggio del Comune di Catanzaro che non va intesa, naturalmente, come una contrapposizione agli Ordini professionali che, anzi, devono utilizzare questa sentenza per aprire nuove prospettive per tutti gli iscritti.