• Home / CITTA / Reggio Calabria – Fronte Nazionale: “Commissione accesso agli atti al Comune”

    Reggio Calabria – Fronte Nazionale: “Commissione accesso agli atti al Comune”

    “Preso atto di quanto emerso dalle parole della Dott.ssa Marcianò nei confronti del Sindaco e della giunta relativamente alla vicenda ‘albergo Miramare’, della gestione del canile Comunale di Mortara in affidamento, in considerazione di quanto emerso dall’inchiesta Reghion, e di quanto detto sempre dalla stessa dott.ssa Marcianò, sulla presenza al Comune e negli uffici comunali, di persone il cui collegamento agli ambienti della malavita organizzata e degli appalti è assodato, in cosiderazione di scandali che hanno coinvolto, anche su richiesta della stessa Marcianò, grossi dirigenti dell’attuale amministrazione, con appurata associazione mafiosa ed ingerenza nella Res Pubblica cittadina, in considerazione delle condizioni della città, al limite della vivibilità per carenza di acqua e di manutenzione ordinaria a tutti i livelli”. E’ quanto scrive in una nota Il coordinamento Provinciale del Fronte Nazionale sez di Reggio Calabria che in merito aggiunge: “Considerato il menefreghismo dimostrato nei confronti della popolazione reggina ed in special modo nei confronti dei lavoratori della stessa città, il cui tasso di disoccupazione, grazie anche a scelte scellerate, tra le quali il rinunciare al Waterfront ha aumentato,
    In considerazione che non è stata spesa nemmeno una parola a difesa od a chiarimento degli episodi suddetti, anzi vi è stato sempre un gelido silenzio
    Il coordinamento provinciale del FRONTE NAZIONALE, sez di Reggio Calabria
    chiede al governo l’invio di una Commissione d’accesso agli atti al comune di Reggio Calabria, atto doveroso e necessario, come già avvenuto in passato, per verificare quanto sia profonda l’infiltrazione mafiosa, e contestualmente dei chiarimenti sull’operato della giunta e del Sindaco.

    Chiede contestualmente le dimissioni del sindaco e dell’esecutivo per la manifesta incapacita’ di governare”