• Home / CITTA / Fausto Gullo. Doppio appuntamento sulla figura del Ministro e Costituente a Spezzano e Cosenza

    Fausto Gullo. Doppio appuntamento sulla figura del Ministro e Costituente a Spezzano e Cosenza

    Sabato apertura mostra a Spezzano Piccolo, martedì Paolo Mieli ne discute a Cosenza.

    Spezzano Piccolo – “Fausto Gullo ministro e costituente” è la mostra che verrà aperta nella Biblioteca Gullo, in Piazza del Popolo a Macchia di Spezzano Piccolo, sabato 15 ottobre alle ore 11.30.

    Ed è proprio la mostra, organizzata dall’associazione Biblioteca Gullo, che darà il via ad un progetto di più ampio respiro volto a valorizzare il patrimonio librario, oltre 15mila volumi, della biblioteca che ospita fra le sue sezioni l’archivio privato di Fausto Gullo, riconosciuto dal Ministero per i Beni Culturali di interesse storico particolarmente importante.

    «L’obiettivo della mostra è risaltare la figura di Fausto Gullo, avvocato, Ministro, Costituente e Parlamentare – dice Antonio Curcio, direttore della biblioteca – sarà messa in risalto la sua personalità attraverso la sua vita, la giovinezza, l’impegno politico, il difficile periodo dell’esilio e chiaramente la sua attività al Governo del Paese».

    Un appuntamento, quello di sabato nella cittadina pre silana, grazie al quale si potrà approfondire, attraverso documenti, carteggi, reperti fotografici, manifesti e pagine di giornale, un periodo storico fondamentale per l’Italia. Una traversata di oltre un cinquantennio in cui Gullo è stato protagonista di primo livello della vita politica dello Stivale.

    Ancora sulla figura del Ministro calabrese discuterà Paolo Mieli, giornalista e storico già direttore del Corriere della Sera e Presidente di Rizzoli Libri, martedì 18 ottobre nella sede dell’Accademia Cosentina a Cosenza. Con lui il presidente dell’Accademia Cosentina, Ernesto d’Ippolito, lo storico Oscar Greco, autore del libro “Caro Compagno, l’epistolario di Fausto Gullo”. L’attrice Lucia Lavia leggerà in apertura, dei brani tratti dal diario del comunista calabrese e la “Lettera agli elettori” che Gullo scrisse al momento di lasciare la politica attiva.