• Home / CITTA / Sindaco Rossano scrive al prefetto: “Impossibile ospitare migranti, sicurezza a rischio”

    Sindaco Rossano scrive al prefetto: “Impossibile ospitare migranti, sicurezza a rischio”

    “Assoluta impossibilità di potere allocare, per documentate e giustificate ragioni, soggetti immigrati, per circa 100 unità, presso la struttura turistico-ricettiva in località Seggio di Rossano“. È quanto ribadito dal sindaco Stefano Mascaro in una missiva trasmessa al Prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao, con il fine di informarlo dei reiterati colloqui telefonici intercorsi sulle questione con il Vice Prefetto Carlo Ponte. “La ferma volontà dell’amministrazione comunale – si legge nella lettera – trova conforto in diverse e significative ragioni, sociali e di sicurezza, la cui tutela verrebbe gravemente compromessa. Trattandosi l’area in questione – va avanti il Primo Cittadino – ad alta densità abitativa, si troverebbe in condizioni di assoluta promiscuità, sia per la contiguità delle unità abitative che per le comuni aree sociali. Pertanto – prosegue il Sindaco – confortato e rassicurato dalle parole del Vice Prefetto e nell’attesa di una auspicata valutazione dello stato dei luoghi e di quanto sopra descritto, resto certo che nelle more del richiesto ed ottenuto incontro del prossimo 5 settembre presso gli uffici della Prefettura a Cosenza, alcuna determinazione verrà assunta in merito alla paventata possibilità dell’allocazione di immigrati in Località Seggio.

    E proprio sulla questione migranti si confronterà il prossimo consiglio comunale convocato in seduta straordinaria dal presidente Rosellina MADEO. L’assise si riunirà MERCOLEDÌ 7 alle ORE 19.

    Facendomi interprete – dichiara la Presidente MADEO – della precisa richiesta manifestatami dal Sindaco e in aderenza alle attese dei capigruppo consiliari ho ritenuto di dover convocare immediatamente un’assise civica straordinaria sull’argomento proprio per garantire un dibattito il più ampio e trasparente possibile su una vicenda che sta destando viva ed oggettiva preoccupazione nell’opinione pubblica.