• Home / CITTA / Reggio – Il Miramare tornerà alla sua destinazione originaria

    Reggio – Il Miramare tornerà alla sua destinazione originaria

    Si conclude con la gara per la gestione dell’albergo, l’iter del Comune circa la destinazione del Miramare. Dando seguito alla decisione della giunta di Falcomatà, il settore attività produttive dell’amministrazione ha provveduto ad indire il bando per la gestione quindicinale della struttura, rinnovabile per altri cinque anni. Come è riportato in Gazzetta del Sud, il canone annuo per l’operazione è stimato intorno ai 300 mila euro e la gara sarà gestita dalla Stazione Unica appaltante della Provincia. Lo scorso 31 marzo il bene immobile era stato inserito nell’elenco delle strutture da valorizzare per fini turistico-ricettivi, in seguito alla decisione del comune di salvarlo dai cespiti da alienare per fare cassa. Dato infatti in concessione all’associazione “Officine Miramare”, costituita ad hoc per fare dell’albergo una polo culturale e ricreativo, il Miramare ha ospitato da dicembre  a maggio scorso mostre, dibattiti, concerti e non ultimo l’evento della consegna dei beni confiscati alle mafie. Il rapporto tra Comune e associazioni si è però incrinato alla fine del mandato di “Officine”, in seguito alla decisione dell’amministrazione di procedere ad un cambio di gestione della struttura per dar spazio ad altre associazioni che avevano partecipato al bando. “Officine” si è rivolta al Tar ottenendo dapprima un decreto cautelare, ma infine il ricorso proposto dall’associazione è stato respinto. Il Comune dunque, che è ancora titolare della struttura, liberata da ogni pendenza, ha deciso di far tornare l’albergo alla sua originaria identità.