• Home / CITTA / “Ferragosto sicuro” – Arresti e denunce per spaccio di stupefacenti nel vibonese
    "Ferragosto sicuro" - Arresti e denunce per spaccio di stupefacenti nel vibonese

    “Ferragosto sicuro” – Arresti e denunce per spaccio di stupefacenti nel vibonese

    La vigilanza dei Carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia non si è interrotta nemmeno nella giornata di Ferragosto festività che da sempre richiama un gran numero di turisti sia sulla fascia costiera che nelle zone collinari del territorio. Per garantire un sereno ferragosto a tutti i cittadini del vibonese già dalle prime ore è scattata, come ogni anno, l’operazione “Ferragosto sicuro”: grazie ad un’intensificazione dei servizi di controllo del territorio gli uomini dell’arma hanno, in meno di 24 ore, arrestato una persona e denunciato a piede libero altre tre.

    A Pizzo

    SALICONE FELICE 1995
    Felice Salicone

    I carabinieri della locale Stazione, nel corso di una serie di perquisizioni locali eseguite all’interno di appartamenti occupati da animatori e personale addetto ai servizi di un villaggio turistico della zona, hanno tratto in arresto Felice Salicone 21 anni, originario di Lamezia Terme poiché trovato in possesso di 40 grammi di marijuana di 15 grammi di hashish. Nello stesso contesto sono state denunciate in stato di libertà, sempre per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, una animatrice francese di 26 anni poiché trovata in possesso di 8 grammi di hashish ed un suo collega di 43 anni poiché sorpreso con 6 grammi di marijuana sempre suddivisa in dosi. Un’ altra giovane animatrice residente a Bari è stata invece segnalata alla locale prefettura quale assuntrice di stupefacenti poiché trovata in possesso di uno spinello e di due grammi di marijuana.

    A San Costantino Calabro

    I Carabinieri della locale stazione, nel corso di un una perlustrazione, hanno sorpreso fuori dalla propria abitazione un sorvegliato speciale di Polizia alla guida di un motociclo privo di patente di guida in quanto revocatagli in virtù della misura impostagli. Il mezzo è stato posto in sequestro e l’uomo è stato denunciato alla locale procura della repubblica per violazioni alla misura della sorveglianza speciale di Polizia