• Home / CITTA / Cosenza – Controllo del territorio, sequestrato oltre mezzo chilo di droga

    Cosenza – Controllo del territorio, sequestrato oltre mezzo chilo di droga

    I Finanzieri del  Comando  Provinciale  della Guardia  di  Finanza  di  Cosenza, nel  corso  dei quotidiani servizi di controllo economico del territorio,hanno sequestrato oltre mezzo kg di sostanze stupefacenti di varie tipologie, principalmente hashish, marijuana e cocaina, ed hanno sanzionato 50 trasgressori  tra  i quali anche minorenni. Le  fiamme  gialle  cosentine,  impiegate  nello  svolgimento di posti  di  controllo, rinvenivano la sostanza  stupefacente occultatanei  posti  più  disparati,
    ovvero all’intero di alloggiamenti situati    nelle    autovetture,    appositamente    predisposti,
    piuttosto    che in contenitori,apparentemente destinati ad altro uso,quali pacchetti di chewing-gum e /o di sigarette.
    In taluni casi la tensione mostrata dalle persone controllate,unitamente ad altri sintomi,quali le  pupille  dilatate  e  gli  occhi arrossati,
    inducevano i  finanzieri  ad  approfondire gli  interventi anche attraverso  l’ausilio delle unità Cinofile del Corpo.
    Ritirate  immediatamente  le  patenti dei conduttori  delle  automobili, trovati in  possesso  di droga,  poiché  rappresentavano  un
    potenziale pericolo  per la  sicurezza della circolazione stradale e per l’incolumità degli altri viaggiatori.
    Le  sostanze  stupefacenti sequestrate avrebbero avuto  effetti  altamente  nocivi sui  soggetti coinvolti, soprattutto su quelli più giovani:
    All’esito del servizio venivano segnalati  alle  Prefetture  competenti  cinquanta  soggetti, detentori  di  droga  per  uso  personale,  i  quali  rischiano la
    sospensione o il divieto  di conseguire,fino ad un anno, la patente, il porto d’armi e/o altri documenti identificativi validi per l’espatrio.
    Prosegue  l’attività  della  Guardia  di  Finanza  di  contrasto  ai  traffici  illeciti  di  sostanze stupefacenti, realizzata attraverso l’aggressione
    di qualsiasi forma di illegalità, per garantire, sempre e prima di tutto, la tutela della collettività e delle fasce sociali più a rischio come i più
    giovani.