• Home / CITTA / Catanzaro / Omicidio Mustara, risolto caso dopo 4 anni: arrestato presunto killer nel catanzarese

    Omicidio Mustara, risolto caso dopo 4 anni: arrestato presunto killer nel catanzarese

    I Carabinieri dell’Aliquota operativa della Compagnia di Sellia Marina, insieme ai colleghi della Stazione di Zagarise, hanno tratto in arresto Antonio Verrino, 75 anni, pensionato, con l’accusa di omicidio aggravato e porto abusivo di arma da fuoco.
    Al termine di una complessa attività investigativa, i militari dell’Arma hanno così ricostruito l’omicidio di Michele Mustara, l’operaio forestale ucciso il 18 luglio 2012, in località Piccoli, sulla strada provinciale che collega Zagarise a Magisano. Contro di lui furono esplosi sei colpi di arma da fuoco, cinque dei quali andati a segno, e l’uomo morì dopo due giorni nell’ospedale di Catanzaro.
    L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dalla sezione Gip/Gup (dottore Giuseppe Perri) del Tribunale di Catanzaro, su richiesta del pubblico ministero Domenico Assumma. Verrino è stato associato nella casa circondariale di Catanzaro, su disposizione dell’autorità giudiziaria.
    L’attività investigativa è iniziata con un’attenta analisi del luogo in cui venne ritrovato Mustara, una piazzola di sosta della strada provinciale. Quindi, sono state acquisite testimonianze e immagini di alcune telecamere, fin quando, i Carabinieri della Compagnia di Sellia Marina, hanno ritrovato l’arma utilizzata per il delitto. La pistola è stata rinvenuta addosso all’uomo, mentre nel corso della perquisizione domiciliare, in una nicchia del contatore dell’energia elettrica, sono state trovate decine di munizioni.
    L’arma, una Velodog calibro 5,75 millimetri, è stata affidata ai Carabinieri del Ris di Messina che hanno riscontrato la “identità balistica” con i proiettili estratti dal corpo dalla vittima.
    Nella stessa nicchia sono state rinvenute anche tre lettere, due dattiloscritte e una manoscritta, rivolte a Verrino e con espliciti riferimenti all’omicidio di Mustara.
    Secondo l’attività investigativa, Verrino ha sostenuto di avere ucciso Mustara ritenendolo l’autore di alcuni furti di bestiame che il primo avrebbe subito e riferendo anche di un debito di cinquemila euro che lo stesso Mustara non avrebbe mai onorato.
    L’arresto di Antonio Verrino giunge al termine di una indagine portata a termine con meticolosità da parte dei Carabinieri che sono riusciti a ricostruire, passo dopo passo, il movente del delitto e il quadro accusatorio che, seguito dal pm Assumma, ha retto anche davanti alla valutazione del giudice.