• Home / CITTA / Sbarco migranti nello Stretto: 4 feriti da colpi d’arma da fuoco e da taglio, c’è un neonato
    MIGRANTI REGGIO CALABRIA

    Sbarco migranti nello Stretto: 4 feriti da colpi d’arma da fuoco e da taglio, c’è un neonato

    Ferite da arma da fuoco e da taglio. Quattro migranti tra i 346sbarcati ieri a Messina sono stati brutalmente torturati prima dell’imbarco per l’Italia. Sulla nave “Dattilo” della Guardia Costiera, arrivata nel pomeriggio al porto della città dello stretto, i presunti profughi sbarcati al Molo Marconi, erano prevalentemente del Mali, Gambia, Nigeria e Guinea. Tra di loro anche un bimbo di 6-7 mesi, rimasto sempre tra le braccia della mamma. Secondo quanto emerso da un primo screening alcuni migranti provenienti dall’Africa centrale sarebbero affetti da scabbia e varicella. Adesso, ricostruendo le loro storie  la Squadra Mobile cerca gli scafisti. I 346 migranti sono stati soccorsi nel Canale di Sicilia, in tre distinte operazioni. Poi caricati sulla “Dattilo”, fino al porto peloritano.