• Home / CITTA / Rende (CS) – Edifici Scolastici, monitoraggio continuo e interventi mirati

    Rende (CS) – Edifici Scolastici, monitoraggio continuo e interventi mirati

    “La situazione degli edifici scolastici è sotto controllo. Risolveremo e siamo pronti a intervenire sulle eventuali criticità che dovessero venire a galla”.
    E’ quanto afferma l’assessore ai Lavori pubblici, Pia Santelli, interrompendo la catena di falsità strumentali veicolate in questi giorni su giornali e social network.
    “Se ci sono stati dei problemi – sottolinea Pia Santelli – è solo perché abbiamo avuto in dote incuria e assenza di una manutenzione ordinaria degna di nota. Ora non sarà più così. I nostri alunni hanno il diritto di crescere in ambienti sicuri e funzionali. Questo è uno dei motti dell’amministrazione comunale guidata da Marcello Manna, un esecutivo desideroso di pensare, programmare e realizzare una nuova Rende, anche sotto il profilo dei lavori pubblici . Affinché questo proposito diventi realtà sono necessarie ingenti risorse economiche, non dimentichiamolo. tuttavia gli uffici competenti si sono messi subito all’opera, procedendo ad un monitoraggio dello stato di tutti gli edifici comunali e alla valutazione di tutte le relative criticità.”
    E’ stato predisposto un programma a lungo termine, finalizzato alla riqualificazione di tutti gli edifici scolastici nel giro di un quinquennio; quanto detto richiede ingenti risorse economiche, reperibili con la partecipazione a tutti i bandi europei, nazionali, regionali e, soprattutto, con la presentazione di proposte di qualità. In tal senso, sono stati già ottenuti due finanziamenti di 450mila euro ciascuno, che riguarderanno la scuola elementare di Surdo e la scuola materna di Rende Centro, nell’ambito del D.L. n.104/2013. In questi edifici si procederà all’adeguamento e alla messa a norma degli impianti, all’efficientamento energetico dell’involucro edilizio e all’utilizzo delle fonti rinnovabili, al fine di ridurre i consumi energetici e le emissioni di gas nell’atmosfera. Con possibilità di mutuo a tasso agevolato (0,25%), in deroga all’art.204 del D.Lgs. n.267/2000 (Legge n.116/2014), sono state presentate due proposte, ognuna di 350milaeuro, in merito alla riqualificazione energetica e al miglioramento tecnologico degli edifici adibiti a scuola primaria in località Sant’Agostino e scuola media in località Santo Stefano.
    Con il progetto di riqualificazione della sede del’ex scuola Stancati, un intervento di circa 2.750.000 euro, il Comune di Rende parteciperà alla manifestazione di interesse pubblicata dalla Regione Calabria per la realizzazione di scuole innovative e, se finanziato, consentirà di realizzare laboratori e ambienti finalizzati ad una didattica avanzata a servizio di tutto il comprensorio. Un finanziamento ministeriale di 63mila euro consentirà di eseguire indagini strutturali (e non) sui solai di cinque scuole, in modo da accrescere il livello di conoscenza degli edifici in vista della partecipazione ai futuri bandi.
    Grazie alla rinegoziazione dei mutui sarà possibile ampliare la scuola media di Linze, creando nuovi locali a norma da destinare all’utenza della scuola elementare di Saporito; in questo modo, dopo tanti anni, sarà garantita una sede migliore ai bambini di contrada Saporito, finora allocati in un appartamento privato, ottenendo, altresì, cospicui risparmi legati alla disdetta del contratto di locazione.
    In questi giorni sono stati consegnati i lavori di messa a norma degli impianti termici di dodici scuole comunali, che consentiranno di installare gruppi termici di ultima generazione muniti della componentistica di sicurezza prescritta dalla normativa vigente. Questi lavori saranno finanziati con i residui accertati su mutui precedentemente contratti dall’ente. A tal fine, a seguito di rotture improvvise verificatisi sugli impianti esistenti, si sta già procedendo alla sostituzione tempestiva del gruppo termico della scuola media Falcone di Villaggio Europa, mentre nello scorso mese è stato installato il gruppo termico della scuola media “De Coubertin”; altre risorse sono state stanziate per una massiccia sostituzione di terminali non più funzionanti nelle varie scuole e l’installazione di componentistica per la regolazione della temperatura degli ambienti e la riduzione dei consumi energetici.
    Recentemente, una volta presa coscienza di una situazione a dir poco “sconcertante”, sono stati affidati in gestione gli impianti antincendio e gli impianti elevatori delle scuole. Questa è una novità per la città di Rende, mentre in altri contesti è un fatto ordinario, scontato.
    I disagi che in questi giorni si stanno manifestando in alcune scuole sono legati, però, ad una situazione deficitaria ereditata dal passato, caratterizzata da interventi improvvisati e saltuari, assenza di programmazione.