• Home / CALABRIA / La Russia punta su enogastronomia e turismo in Calabria. Convegno a Reggio

    La Russia punta su enogastronomia e turismo in Calabria. Convegno a Reggio

    di Marina Malara – La Calabria, e ancor di più la città e la provincia di Reggio Calabria, possono diventare il prossimo grande obiettivo del turismo russo. I 4/5 milioni di turisti russi, che prima riempivano le più belle località della Turchia, saranno adesso dirottati, dai tour operator del loro paese, nel nostro territorio. In sostanza è questo il fulcro del convegno che si è tenuto nella città dello Stretto presso l’Hotel Excelsior  dal titolo “Italia e Russia, sinergie internazionali per favorire la Cooperazione e la crescita economica nei territori” organizzato dalla General Invest Group. Il tutto si inserisce nell’ambito di un progetto redatto da enti e fondazioni supportate da un team di ricercatori ed analisti dell’Università Bocconi ed alle maggiori agenzie internazionali di comunicazione. Purtroppo gli ultimi dati, indicano una contrazione nell’interscambio commerciale: l’export italiano in Russia ha segnato -11,6%, una diminuzione pari a un miliardo e duecento milioni. Le importazioni italiane sono invece diminuite di 4 miliardi con una contrazione del 20%. Si tratta tuttavia di una condizione strettamente legata a fattori contingenti e alle sanzioni introdotte nei confronti della Federazione Russa dopo i fatti successi in Turchia con la quale la Russia ha interrotto ogni rapporto commerciale.  Il paese di Putin  si conferma comunque tra i principali mercati di destinazione delle merci italiane; inoltre, dopo il raddoppio del canale di Suez nei traffici navali, si è creato un  asse Europa-Russia che corre decisamente più a Sud delle direttrici attuali. Gli studi di riferimento, ipotizzano un ruolo alternativo con Gioia Tauro baricentro, liberandone potenzialità che vanno molto oltre il mero transhipment. A queste motivazioni si aggiunge  il fatto che la Calabria offre, due asset importanti: turismo e agroalimentare. Dal 2009 gli indicatori evidenziano un aumento di presenze di turisti russi. Quanto all’agroalimentare, la tipicità delle produzioni, il brand Made in Italy, il fascino dell’autenticità meridionale, la Dieta Mediterranea, la presenza di colture particolari non reperibili in altre aree, sono elementi sui quali è possibile puntare. Tutti fattori che rendono l’area calabrese e reggina in particolare molto appetibile per i russi. russi 1 All’incontro hanno partecipato l’Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Federazione Russa nella Repubblica Italiana Sergey Razov, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri sen. Marco Minniti, nonché il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà, il presidente del Consiglio Regionale Nicola Irto e il presidente dellla Provincia Giuseppe Raffa.