• Home / CALABRIA / Cittadella Regionale, Oliverio:”Opera di portata storica”. Inaugurazione a gennaio

    Cittadella Regionale, Oliverio:”Opera di portata storica”. Inaugurazione a gennaio

    di Marina Malara e Clara Varano – Tra dicembre 2015 e gennaio 2016. E’ questo il periodo in cui verranno ufficialmente inaugurati i nuovi uffici regionali della Cittadella di Germaneto a Catanzaro e che porranno fine alla frammentazione delle sedi dei vari settori di cui è composto l’ente Regione Calabria. L’annuncio è stato dato dal governatore della Calabria Mario Oliverio ai giornalisti proprio durante una conferenza stampa nei nuovi locali di Germaneto. “Un’opera non semplice – ha aggiunto Oliverio – realizzata da luglio a settembre, superando non poche difficoltà e senza alcuna implicazione negativa per le attività degli uffici che hanno funzionato regolarmente. Un lavoro complesso messo in atto volutamente nei mesi estivi per evitare soluzioni di continuità”. Non semplice sarebbe dir poco se dovessimo ricordare il lungo percorso ad ostacoli che la realizzazione di questa struttura ha dovuto superare. Considerando che nel luglio del 1997, con la giunta Nisticò, si aggiudicò la gara per il progetto il famoso architetto Paolo Portoghesi, di acqua sotto i ponti ne è passata. Tra l’alternarsi dei governi regionali e ipotesi di cambiamento dell’area nella quale costruire l’opera, tra pareri tecnici e paludi burocratiche, si arriva al 2008, quando il presidente Agazio Loiero da il via ai lavori che però non andranno avanti con facilità. Bisognerà infatti prima superare un blocco della Soprintendenza a causa del ritrovamento, durante gli scavi, di alcuni reperti archeologici, e poi provvedere all’adeguamento strutturale e antisismico del progetto che nel frattempo è diventato obsoleto. Di tempo ne passa tanto visto che solo nel 2011, con la Giunta Scopelliti, si arriva al progetto esecutivo definitivo e aggiornato, con il riavvio dei lavori. Pochi mesi fa la cittadella è stata completata e consegnata, ma senza un’inaugurazione ufficiale degna dell’importanza dell’opera che, partita con una spesa preventivata di quasi 70 milioni di euro, alla fine ne è costata molto più di cento. Anche per questo motivo il Governatore Oliverio oggi parla di “opera di portata storica non solo per Catanzaro ma per tutta la Calabria”. E poi spiega che il completamento della Cittadella regionale degli uffici non è un fatto puramente materiale perché da questa struttura si getteranno le basi per creare una Regione nuova più snella e leggera rispetto a quella che abbiamo conosciuto fino ad ora. Oliverio ha rivolto un plauso all’ing. Francesco Amoruso, ex dirigente regionale, “che ha lavorato – ha detto – volontariamente e a costo zero in questa fase di passaggio” e all’ing. Domenico Pallaria, dirigente generale del Dipartimento Lavori Pubblici. Non ha dimenticato di ringraziare i presidenti che lo hanno preceduto, da Rosario Olivo ad Agazio Loiero a Giuseppe Scopelliti. “Abbiamo innestato una marcia in più – ha sostenuto – per arrivare a questo risultato, anche se tutto questo si poteva fare da mesi, se non da anni. Prova ne sia che sono state diverse le ‘inaugurazioni’ che si sono succedute. Adesso la sede c’è. Certo, si pone il problema degli archivi, una vicenda che si trascina da 40 anni. Su questo stiamo lavorando soprattutto per la digitalizzazione cercando di individuare un’allocazione adeguata per un patrimonio che deve essere custodito con attenzione”. Infine il governatore ha spiegato che è stata costituita una commissione per la consegna ai proprietari dei 29 locali utilizzati in tutti questi anni a Catanzaro come sedi degli uffici regionali e per la redazione dei verbali di restituzione. “Una materia – ha detto – delicata da attuare nella trasparenza e nella legalità, evitando perdite di tempo e possibili contenziosi”.