• Home / CITTA / “Volontari per un mese”, Benedetto: “Se saremo autorizzati procederemo all’assunzione”

    “Volontari per un mese”, Benedetto: “Se saremo autorizzati procederemo all’assunzione”

    In merito al recente articolo “Reggio – All’Ospedale “Volontari per un mese”, Misericordia: “cocente delusione”, il Commissario Straordinario dell’Azienda Ospedaliera “Bianchi-Melacrino-Morelli” precisa:
    Approfitto della sua ospitalità per fare alcune doverose precisazioni sul recente articolo “Reggio – All’Ospedale “Volontari per un mese”, Misericordia: “cocente delusione”, in cui è contenuta anche una dichiarazione del Signor Cuzzola, attuale governatore della Misericordia. Come ogni struttura sanitaria particolarmente grande e complessa che riceve finanziamenti pubblici ben delimitati, anche l’Azienda Ospedaliera BMM di RC continua a soffrire per tante cose, non ultimo per l’assenza cronica di alcune figure professionali come gli OSS (Operatori Socio Sanitari). Per questo motivo associazioni come la Misericordia nel corso degli anni sono diventate importanti ai fini di un miglior funzionamento dell’Azienda. Senza alcun pregiudizio, quindi, vedremo nei prossimi giorni se saremo autorizzati, e in che tempi, dalla Regione all’assunzione di queste particolari figure professionali. Tuttavia, è bene che i lettori siano informati del fatto che i volantini riprodotti in foto a corredo dell’articolo, sono il frutto dell’impegno disinteressato di un cospicuo gruppo di altre associazioni, anch’esse di volontariato – e, per essere precisi, di volontariato “puro”, ossia che (a differenza della Misericordia) non riceve alcun tipo di contributo – che già da tempo comunque operano in maniera regolare e professionale all’interno dell’Azienda. Si tratta, com’è noto, di associazioni serie e di autentico e integrale volontariato, per questo riconosciute e autorizzate dall’Azienda a svolgere la loro missione benefica – n.b.: gratuitamente e senza rimborsi – in favore dei pazienti chirurgici, dei bambini, dei pazienti con leucemie, dei pazienti diabetici, dei malati di rene, dei pazienti con malattie reumatiche, ecc. E’ inutile elencarle tutte, ma con tutte l’Azienda è onorata di collaborare. Proprio grazie al lavoro e all’impegno quotidiano di questi nostri generosi e competenti amici, concittadini e concittadine, l’Azienda ha potuto supplire, e continuerà a farlo, a non poche sue carenze. E’ dunque a dir poco singolare (per non dire diffamatorio) che si definisca questa lodevolissima iniziativa come «offensiva», dal momento che si parla di una forma di volontariato competente, sano e autentico, che opera in modo totalmente gratuito. Ovviamente non è mai stata intenzione dell’Azienda – sarebbe stato presuntuoso pensarlo – di poter “sostituire” integralmente alcune figure professionali con il gruppo di associazioni del volantino “Volontari per un mese”, del cui generoso contributo abbiamo comunque bisogno e ben volentieri abbiamo accettato e continueremo ad accettare. In fondo, basta poco per aiutare i tanti pazienti che in questo periodo difficile soffrono in Ospedale: una semplice presenza, un contatto con un parente, un sostegno morale, una parola di conforto, il trasporto di una richiesta, ecc.
    Per quanto attiene alla Misericordia – le sorprendenti dichiarazione del cui governatore si qualificano da sé – si rammenta che la stessa Associazione operava con l’Azienda, ormai da molti anni, in regime di convenzione: se ne riconosceva, così, la preziosa attività svolta da volontari che ricevevano un modesto rimborso economico.
    La Misericordia, nel pieno esercizio della sua libertà, ha ritenuto di interrompere dal mese di Luglio i rapporti con l’Azienda. Purtroppo, questa interruzione ha pesato, e pesa, sulla vita reale dell’Azienda e dei suoi assistiti.
    Paradossalmente è, questo, un motivo in più per ringraziare ancora tutte le altre Associazioni che hanno continuato a collaborare con noi, cercando di supplire generosamente all’assenza della Misericordia, sobbarcandosi degli oneri di un’attività che non dovrebbe andare mai in ferie.

    Dottor Frank Benedetto Dottor Giuseppe Doldo