• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro – Intitolazione piazza a Monicelli, Capellupo: ‘Si ampliano le prospettive per la città’

    Catanzaro – Intitolazione piazza a Monicelli, Capellupo: ‘Si ampliano le prospettive per la città’

    Sono legittime le aspettative di molti gruppi che in questi giorni hanno manifestato il desiderio di vedere degli spazi pubblici dedicati alla memoria di persone che hanno lasciato il segno in città. Ne esistono tante. Personaggi più o meno pubblici che hanno amato, a volte anche in silenzio, il capoluogo. Ma, uscendo dalle questioni di stretto campanilismo, inteso nel senso migliore del termine, l’omaggio ad un indiscusso protagonista del cinema italiano in un quartiere che, pur con i margini di miglioramento che ci sono, sta diventando per un periodo dell’anno un punto di riferimento per chi ama il cinema o per chi ha la possibilità di avvicinarsi a questo modo di fare cultura.

    L’intitolazione a Mario Monicelli, proietta Catanzaro in un contesto più ampio, anche dal punto di vista mediatico. La sua storia artistica, e anche quella personale, ci rimandano l’immagine di un personaggio probabilmente scomodo nella sua coerenza, ma altamente altruista e attento agli altri nella sua tenace laicità.

    “La speranza, di cui parlate, è una trappola… una brutta parola. Non la si deve usare. La speranza è una trappola inventata dai padroni… La speranza è di quelli che dicono “state buoni, state zitti, pregate…”. Era questo Mario Monicelli, un uomo che parlava per metafore che forse fanno male, forse sono scomode, ma toccano le corde delle coscienze. Forse avere una piazza dedicata a lui ricorderà, a futura memoria, che a uomini consapevoli non è dato cadere nelle trappole, neanche quando qualcuno le nasconde sotto le mentite spoglie della speranza.

    Filippo Capellupo