• Home / CITTA / Processo contro padre Fedele, Procura chiede riduzione di un mese solo
    PADRE FEDELE: IN APPELLO PG CHIEDE CONFERMA CONDANNA

    Processo contro padre Fedele, Procura chiede riduzione di un mese solo

    Padre Fedele di nuovo sul banco degli imputati per il nuovo processo d’appello, iniziato oggi a Catanzaro. E per quanto il frate abbia chiesto più volte non solo di essere reintegrato, ma abbia anche gridato la sua innocenza la di riduzione della pena richiesta dal procuratore generale Raffaella Sforza è stata solo di unmese. Oltre a padre Fedele Bisceglia anche il suo segretario Antonio Gaudio è accusato di violenza sessuale ai danni di una suora. Per l’accusa i due imputati devono essere condannati anche nel nuovo processo d’appello, rispettivamente, a 9 anni e 2 mesi, il religioso, e a 6 anni e 2 mesi il suo segretario (in primo e secondo grado erano stati condannati a 9 anni e 3 mesi e 6 anni e 3 mesi). Si tornera’ in aula il prossimo 18 giugno. Padre Fedele (che si trova in Africa per una missione umanitaria) e Gaudio furono condannati in primo grado con la sentenza emessa il 6 luglio 2011 dal tribunale collegiale di Cosenza. Sentenza confermata dalla Corte di appello di Catanzaro il 17 dicembre del 2012.Poi il ricorso della difesa degli imputati alla Corte di cassazione che ha annullato la sentenza di secondo grado e rinviato gli atti nel capoluogo calabrese per una nuova pronuncia. Il frate, accusato di violenza sessuale, finì in carcere nel gennaio del 2006 e fu rinviato a giudizio assieme a Gaudio il 9 gennaio del 2008.