• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro – Trasformazione aree Erp da diritto di superficie a diritto di proprietà

    Catanzaro – Trasformazione aree Erp da diritto di superficie a diritto di proprietà

    Trasformazione delle aree Erp (edilizia residenziale pubblica) da diritto di superficie a diritto di proprietà; elenco dei beni immobili di proprietà comunale suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione, da inserire nel piano delle alienazioni e delle valorizzazioni immobiliari 2015-2017; atto di indirizzo per l’utilizzo dell’Area Magna Graecia per lo svolgimento di spettacoli e concerti da inserire nella rassegna “Una città per cantare”. Sono questi alcuni dei provvedimenti adottati nella riunione odierna della giunta, presieduta dal sindaco Sergio Abramo, assistito dal segretario generale Vincenzina Sica.
    L’esecutivo ha approvato diverse pratiche proposte dal settore patrimonio, diretto da Giuseppe Lonetti, su relazione dell’assessore al ramo Filippo Mancuso.
    Via libera alla delibera che prevede la trasformazione delle aree Erp (edilizia residenziale pubblica) da diritto di superficie a diritto di proprietà. Le aree si trovano nelle zone di Germaneto, Pistoia, Corvo, Aranceto, Santa Maria, Gagliano, Giovino, Cava, Gagliano e rione De Filippis. Varato, ancora, l’elenco dei beni immobili di proprietà comunale non strumentali all’esercizio delle funzioni istituzionali, suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione, da inserire nel piano delle alienazioni e delle valorizzazioni immobiliari 2015-2017. La giunta ha, inoltre, garantito l’ok alla concessione temporanea (fino al 31 dicembre 2015) di alcuni locali di proprietà comunale in via Fares alla parrocchia San Francesco di Paola. Concesso in comodato d’uso gratuito e per un periodo di cinque anni alla parrocchia Sacro cuore un fabbricato sito nel cortile della scuola elementare di via Caprera. L’immobile verrà utilizzato come luogo di culto e centro di aggregazione sociale. Approvata anche la legittimazione e l’affrancazione di un terreno gravato da usi civici.
    L’esecutivo ha dato apposito indirizzo ai dirigenti dei settori cultura, istruzione e sport, patrimonio, gestione del territorio, attività economiche e polizia municipale, ad assumere gli adempimenti necessari per concedere l’utilizzo dell’Area Magna Graecia per lo svolgimento di spettacoli e concerti da inserire nella rassegna “Una città per cantare”.
    Il Comune concederà alle agenzie richiedenti l’utilizzo dell’area “nello status quo”; pertanto, ogni agenzia, sollevando l’ente da ogni responsabilità, dovrà assumere in proprio ogni onere per rendere, nel rispetto dei lavori previsti dal settore Gestione del territorio, la struttura idonea allo svolgimento degli spettacoli.
    Su proposta del settore affari generali e personale, l’esecutivo ha autorizzato il Comune di Mola di Bari all’utilizzo della graduatoria del concorso pubblico per la copertura di 4 posti di istruttore tecnico, approvata con DD n. 4557 del 24 dicembre 2014, al fine dell’assunzione del primo candidato attualmente disponibile tra gli idonei della stessa graduatoria.
    La giunta ha concesso, inoltre, i seguenti patrocini gratuiti: all’evento “Omaggio alla poesia dialettale catanzarese” promosso dall’associazione culturale “Vecchi giovani”, in programma il 27 giugno presso l’area verde di via Bazzecca in località Corvo; al Coni Comitato regionale Calabria per la manifestazione “Educamp Coni” organizzata dal 22 giugno al 3 luglio; all’associazione socio culturale “Identità tradizionale” per un progetto finalizzato alla raccolta di beni alimentari da donare alle famiglie; alla manifestazione “Giornata dell’altra economia” promossa dall’associazione “Sovranitas” per il 28 giugno in Piazza Brindisi; ai Campionati nazionali di nuoto organizzati dall’ASI, comitato regionale Calabria, il 20 e 21 giugno presso la piscina comunale. Infine, su proposta dell’area legale amministrativa, avvocatura diretta da Saverio Molica, sentita la relazione dell’assessore competente, Antonio Sgromo, ha ricevuto l’ok una pratica relativa a un giudizio privato.