• Home / CITTA / Comunali 2015 – A Platì zero liste, Prefetto Latella: ‘Lì si è perso il senso dello Stato’

    Comunali 2015 – A Platì zero liste, Prefetto Latella: ‘Lì si è perso il senso dello Stato’

    “Platì è un posto particolare e quando sono stata lì per la prima volta è stata un’esperienza terribile”. Così il prefetto di Catanzaro Luisa Latella che nel corso della presentazione del libro di Enzo Ciconte sul racket in Calabria, ha risposto alla domanda di uno studente dell’Università Magna Graecia.

    Prefetto di Catanzaro, Luisa Latella
    Luisa Latella, prefetto di Catanzaro

    “Era il 1986 e appena siamo arrivati un gruppo di ragazzini, le vedette, hanno iniziato a girarci intorno per segnalare a chi di dovere che eravamo arrivati. Poiil vuoto, il nulla in paese anche se ci sono molti cittadini straordinari a Platì. Perché nessuno si candida a Platì come in altri paesi? Perché si è perso il senso dello Stato, la speranza, la fiducia che contraddistingue le democrazie. Il timore è quello che l’amministrazione, poi, venga sciolta per mafia. È talmente forte il senso di oppressione della ‘ndrangheta che si ha paura anche ad esercitare un proprio diritto. Tutto questo può finire se si supera il gap culturale e di sottomissione che è dentro ognuno di noi”.
    “Il problema – ha aggiunto Ciconte – è che tutto il nostro territorio ha sviluppato in ritardo gli anticorpi contro la ‘ndrangheta e la mafia in generale, perché fino a poco tempo fa tutti dicevano che non esisteva. Per un lunghissimo periodo il cancro era come se non ci fosse ed è per questo che la paura ha avuto ed ha il sopravvento”.

    GUARDA TUTTE LE LISTE DEI CANDIDATI DELLA PROVINCIA DI REGGIO