• Home / CITTA / A Cariati Confcommercio e Fincalabra discutono di misure per la crescita ed il rilancio economico

    A Cariati Confcommercio e Fincalabra discutono di misure per la crescita ed il rilancio economico

    Crescita ed occupazione: questi i temi affrontati oggi a Cariati, durante il seminario informativo organizzato da Confcommercio in collaborazione con la Regione Calabria e Fincalabra S.p.A.
    Al centro del workshop il Fuoc, il Fondo Unico per l’Occupazione e la Crescita, uno degli strumenti messi in campo dalla Regione per contrastare la recessione e far decollare l’economia. Gestito da Fincalabra S.p.A., il Fuoc immette sul mercato regionale ingenti liquidità, con formule agevolate indirizzate anche ai soggetti più svantaggiati.
    Gli operatori cariatesi hanno partecipato numerosi all’incontro, e con estremo interesse hanno approfittato dell’imperdibile chance di conoscere, valutare ed approfittare di risorse nuove, agevolate, ma in primis concrete.
    A dare il benvenuto alla folta platea, il Presidente dell’Associazione Territoriale Confcommercio di Cariati, Domenico Nigro Imperiale, che ha esordito portando i saluti del Presidente provinciale Klaus Algieri: “Dobbiamo attivarci ed aiutare le nostre imprese a superare il difficile momento. I cariatesi hanno bisogno di occasioni, di un nuovo slancio per manifestare potenzialità, forza competitiva e voglia di fare. Siamo impegnati quotidianamente nel territorio e per il territorio, disponibili ad ogni esigenza e richiesta. Incontri come quello di oggi rappresentano senza dubbio eccellenti opportunità di formazione ed informazione”.
    Al seminario è intervenuto anche il responsabile dell’area capacità istituzionale Fincalabra, Carlo di Noia: “Fincalabra intende sostenere ed incentivare lo sviluppo regionale, con un atteggiamento di totale apertura verso tutti gli attori territoriali. Il Fuoc facilita l’accesso al credito mediante finanziamenti diretti, senza intermediazione bancaria, anche per soggetti cosiddetti non bancabili. Il plafond è davvero cospicuo ed arriva a finanziare fino a 750 mila euro. È chiaro che le risorse ci sono. Sono di considerevole entità e dobbiamo cercare di utilizzarle al meglio”.