• Home / CITTA / Pedopornografia, arresti a Napoli e Agrigento, perquisizioni anche a Reggio
    Pedopornografia

    Pedopornografia, arresti a Napoli e Agrigento, perquisizioni anche a Reggio

    Scambiavano in rete immagini e video pedopornografici. Questa l’accusa nei confronti di due persone, un 19enne e un 44enne che sono stati arrestati ad Agrigento e Napoli. L’operazione, condotta dalla Polizia postale di Palermo, da dove sono partite le indagini, ha coinvolto anche altre città in Italia tra cui Reggio Calabria, dove sono in corso in questo momento alcune perquisizioni.

    Le indagini sono scaturite dalla attività di monitoraggio del web da parte degli operatori della sezione specializzata per il contrasto della pedopornografia on-line e sono durate circa un anno, nel corso del quale si è interagito con 4 italiani dediti, tramite sofisticati programmi, allo scambio in rete del materiale pedopornografico.
    Sotto la direzione della Procura della Repubblica di Palermo, e in particolare del gruppo specializzato nella tutela dei “soggetti deboli”, sono state tracciate le connessioni alla rete e individuate le ubicazioni delle postazioni dalle quali venivano effettuate le sessioni di chat e lo scambio dei file illeciti, risalendo infine agli odierni indagati.

    Le perquisizioni, sono coordinate dal Centro nazionale per il contrasto della pedopornografia on-line (Cncpo).