Home / CITTA / Catanzaro / ‘Ndrangheta, omicidi risolti grazie ai pentiti: dal 2003 al 2008 (VIDEO)
Arresto Torcasio

‘Ndrangheta, omicidi risolti grazie ai pentiti: dal 2003 al 2008 (VIDEO)

La scena è cruenta e rapida. Un killer in sella ad una moto si avvicina ad un’auto e spara per uccidere Giuseppe Trocasio. Giuseppe era in macchina e attendeva la moglie e la figlia nel parcheggio di un supermercato (Approfondisci qui). Così, di giorno, qualcuno lo uccide. Sei colpi e tutti vanno a segno sul suo copro in punti vitali. Morirà di lì a poco. Le scene sono riprese dalle telecamere del supermercato ed oggi la Squadra mobile di Catanzaro, coordinata dal dottore Rodolfo Ruperti, ha diffuso le immagini in bianco e nero, che non rendono bene l’effetto, ma certamente rendono bene l’idea di quanto la ‘ndrangheta sia spietata e diretta, fredda e calcolatrice. Torcasio sarà ucciso da Angelo Torcasio della cosca Giampà per un omicidio del 1994. Anche questo racconta bene la ‘ndrangheta o comunque l’ambiente criminale in cui un affiliato o un parente cresce e matura. 9 anni per una vendetta. Lo stesso in cui è cresciuto Giuseppe Giampà, figlio del professore, Francesco, che nel 2008 fu il mandante dell’omicidio di Bruno Cittadino (Legi qui i dettagli)

(ClaVa)