• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro ha la nuova Giunta tra mal di pancia e soliti sorrisi sornioni…
    Abramo con Merante e Brutto 2

    Catanzaro ha la nuova Giunta tra mal di pancia e soliti sorrisi sornioni…

    Ad Abramo mancano i numeri? Pare proprio di no. Almeno non dopo oggi. Quel che è certo, però, è che dopo l’ultimo rimpasto, il terzo in ordine di tempo dal suo insediamento, non proprio tutti i nodi sono stati sciolti. Il nuovo rimpasto si è reso necessario a poche settimane dall’ultimo a causa della legge Delrio e della necessità di inserire in Giunta almeno un altro assessore donna. Questo il motivo ufficiale, almeno. Accantonato, però, il rischio “quote rosa” con l’ingresso in Giunta di Giulia Brutto, giovane architetto del quartiere Lido del capoluogo, ecco che si profila un rischio forse ancora più pericoloso: le lotte intestine. Non è un caso che Mimmo Tallini durante il suo intervento in Consiglio comunale oggi abbia detto: “Credo sia un errore politico non coinvolgere la lista Scopelliti e Catanzaro da Vivere”. Un errore politico, lasciare fuori dai giochi chi ha dato un grosso appoggio al sindaco nel momento elettorale. Così Marco Polimeni che di una di quelle liste, “Catanzaro da vivere”, fa parte lo ricorda dettagliatamente al sindaco definendolo un misto tra “superman” e un “uomo solo al comando”che offende con le sue scelte la città. Sì, perché, Abramo avrebbe deciso tutto da solo, o quasi, non prediligendo la via politica. E invece oggi, dopo un Giunta tecnica dovuta ad un momento di crisi profonda dell’amministrazione, i politici quelle scelte se le aspettavano. Si aspettavano che il gruppo che ha ricevuto più consensi elettorali avesse un giusto riconoscimento, secondo i rumors, però, quel riconoscimento sono stati uomini molto vicini al sindaco a non volerlo. “Poco alla volta Abramo si è allontanato dai gruppi per ascoltare i singoli” accusa Marco Polimeni. A voler analizzare le ultime scelte di Abramo, in effetti, il primo cittadino avrebbe confermato una certa supremazia di Mimo Tallini e Carlo Nisticò. Voci di corridoio, infatti, danno Giulia Brutto, nuovo assessore con delega alla Gestione del Territorio che sostituisce l’uscente Giuseppe Vitale, vicina a Nisticò, del gruppo misto, e Giovanni Merante, per lui si tratta di un ritorno, nuovo assessore alla Mobilità e Trasporti, vicino al consigliere regionale Tallini. Conseguenza? Il gruppo di Marco Polimeni da oggi si dichiara solo, “decideremo pratica per pratica” un’opposizione interna. Che dietro le quinte Abramo abbia deciso di “accontentare” i più riottosi e scettici imbullonando una maggioranza che rischiava di saltare dopo le elezioni regionali? Vedremo. Intanto conosciamo la “nuova” Giunta. I due assessori freschi di nomina vanno ad aggiungersi alla giunta tecnica già composta da Toni Sgromo, Gabriella Celestino, Daniela Carrozza, Rosa Petitto, Saverio Loiero, Gianmarco Plastino e Rosario Mancuso. Fuori, oltre a Vitale, il professor Luigi La Rosa, la cui delega alla cultura si aggiunge a quelle già in mano alla Carrozza.

    (ClaVa)