• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro: ‘Se mio figlio durante la messa fa chiasso e lo sgridi, ti minaccio e ti picchio’
    Catanzaro Santa Maria della Speranza

    Catanzaro: ‘Se mio figlio durante la messa fa chiasso e lo sgridi, ti minaccio e ti picchio’

    Ancora una volta un episodio di violenza, ancora una volta paura a viale Isonzo, il quartiere di Catanzaro con la più alta percentuale di eventi criminosi della città. Ieri, infatti, la comunità che frequenta la parrocchia Santa Maria della Speranza, edificio che sorge a ridosso del problematico quartiere catanzarese, è stata protagonista di un fatto che ha preoccupato non poco i presenti.
    Durante la celebrazione eucaristica, un bambino di etnia Rom, faceva confusione nel cortile della chiesa. Un fedele, un uomo di circa 50 anni, esce per sgridarlo e dirgli di fare silenzio così da consentire al parroco di celebrare la messa: “Vai a fare chiasso da un’altra parte”.
    A distanza di pochi minuti, appena terminata la Santa messa, i parrocchiani all’uscita dalla chiesa, assistono ad una scena inquietante, decine di rom attendevano sul sagrato il signore che aveva sgridato il ragazzino, che, tornato a casa, aveva raccontato, mentendo, al padre di essere stato percosso.
    Il padre del bambino cerca di picchiare con una cinta l’uomo, cardiopatico, gridando “anche lui deve soffrire come mio figlio”. La cinta, però, colpisce una signora che nella vicenda non c’entrava nulla.
    Inutile l’intervento di mediazione del parroco, che cerca di spiegare all’uomo che il bambino non era stato toccato, il gruppo fuori dalla chiesa non mostra alcuna intenzione di muoversi. Conseguenza? Per mezz’ora le persone che erano a messa sono rimaste in chiesa senza possibilità di uscire.
    Solo l’intervento della Polizia, tempestivamente allertata, riesce a risolvere la problematica. Un cordone di uomini, infatti allontana il gruppo di persone in agitazione consentendo a tutti di uscire dalla chiesa.