• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro, ministro Lorenzin: ‘Sblocco turn over e soluzione per Campanella’
    Sanità, Oliverio a ministro Lorenzin

    Catanzaro, ministro Lorenzin: ‘Sblocco turn over e soluzione per Campanella’

    ”Per lo sblocco del turn over nella Sanità in Calabria abbiamo ottime notizie”. E’ quanto ha dichiarato il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin a Catanzaro. ”Fino a mercoledì, però – ha sottolineato il ministro – quando si riunirà il tavolo che si occuperà della questione, non possiamo dare cifre. Quello che possiamo dire è che sia il Ministero della Salute che il Ministero delle Finanze hanno vagliato con grande attenzione la documentazione che è arrivata e il risultato è che la Calabria potrà avere lo sblocco del turn over. In quale entità, però, lo vedremo mercoledì”.

    Ministro Lorenzin a Catanzaro 3

    ”L’impegno è di rinormalizzare e migliorare il sistema sanitario da nord a sud. E per questo in materia di management non guarderò in faccia nessuno. Si procederà per obiettivi misurati e quantificati. Se raggiungi il risultato bene. In caso contrario, te ne vai. Non siamo in una fase di espansione economica, nel frattempo dobbiamo tenere saldo uno degli asset principali del nostro welfare. E’ un dovere mantenere ciò che è stato costruito nel sistema sanitario italiano intervenendo per migliorare ciò che è stato costruito male”.

    E il ministro parla anche della Fondazione Tommaso Campanella, che rischia di chiudere e recentemente ha subito un taglio al personale di 173 dipendenti.

    Ministro Lorenzin a Catanzaro

    ”Per quanto riguarda la situazione della Fondazione Campanella, abbiamo una proroga dei licenziamenti fino a gennaio. Ci sarà il tempo per poter trovare una soluzione. La soluzione che verrà trovata – ha aggiunto il ministro – dovrà avere due obiettivi. Il primo è quello di dare dignità al Polo oncologico coprendo quest’area del territorio regionale; il secondo è quello di trovare una soluzione per il personale. Dobbiamo pensare che ci sono due questioni da affrontare: quella pregressa che riguarda i debiti, che vanno onorati, e, in una visione futura, quella di una strategia di rilancio per il Polo ma anche per la sanità calabrese”.