• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro, apertura del Centro Polivalente per i giovani di via Fontana Vecchia

    Catanzaro, apertura del Centro Polivalente per i giovani di via Fontana Vecchia

    A volte ritornano! È proprio il caso di dirlo, quando la speranza cede il posto all’abitudine consapevole che, passata una stagione, non né tornerà un’altra uguale. Un po la metafora delle riflessioni che in questi mesi e in bene o in male, fanno capolino nella mente dei tanti affezionati sostenitori del Centro Polivalente per i Giovani di Via Fontana Vecchia, davanti a quella porta vetrata ancora chiusa. A tanti sarà passato almeno una volta per la testa la domanda; ma quando riapre il centro? Intanto è passata un’altra stagione e quel consolidato microcosmo fatto di voci sparse, aromi di thè biologici, colpi di cassa e passeggiate sui trampoli, sembra un lontano ricordo, come se a popolare quel piazzale fosse rimasto solo l’eco di un periodo al tramonto. Eppure basta un pomeriggio per rianimare di nuova linfa, quello che fino ad oggi è stato il più grande e interattivo foro multiculturale di Catanzaro e tra i più grandi e innovativi di tutta Italia. Ed è per questo che la sua storia non finirà qui, ma come tanti sapranno subirà una nuova trasformazione: è arrivato il momento di cambiare vestito e dare al Polivalente una veste ancora più bella ed elegante ed è quello che avverrà da qui a pochi mesi, grazie al progetto di ristrutturazione dei locali che alla fine di quest’anno, darà alla città di Catanzaro una fucina di idee e di progettualità, dove le aspirazioni dei singoli diverranno una realtà per molti.
    Nel frattempo, per non creare uno scarto temporale troppo lungo tra la società e le attività del centro, il Comune di Catanzaro, grazie all’Assessorato alla Cultura, hanno dato il via libera all’apertura temporanea dei locali di Via Fontana Vecchia a partire da Lunedì 17 novembre, per dare modo ai responsabili del Centro Calabrese di Solidarietà di riprendere le attività didattiche che ormai da otto anni determinano il collante culturale della sinergia fra educazione, riabilitazione e apprendimento, senza trascurare una buona dose di sano divertimento e che, una volta iniziati i lavori di ristrutturazione, si sposteranno nei vari quartieri più difficili della città, tramite un nuovo progetto di riqualificazione sociale e territoriale delle aree disagiate, attraverso l’arte, la cultura e l’intrattenimento.
    Ecco dunque alcuni dei laboratori in programma a novembre. Si parte con il doposcuola per i ragazzi di scuola media, che si terranno lunedì, mercoledì dalle h. 15 alle 17, per un massimo di 10 studenti. Spazio all’aspetto educativo con il laboratorio pedagogico ogni mercoledì dalle 14:30 alle 16:30. Torna anche l’arte con il laboratorio musicale ogni lunedì e mercoledì dalle 17 alle 20, riciclo creativo il mercoledì dalle 17 alle 19, trampoli dalle 17 alle 20 e fotografia sempre mercoledì dalle 19 alle 20. Non mancherà il consueto appuntamento con l’italiano per stranieri e inglese base e avanzato ogni giovedì dalle 16 alle 20.
    Un programma variegato anche per quanto riguarda gli eventi tematici e artistici grazie ai laboratori didattici della Compagnia del Teatro di Mù di Salvatore Corea e della Nuova Scena Acli Arte e Spettacolo a cura di Romina Mazza.
    Inoltre è prevista per giovedì 20 novembre alle h. 17.30 una festa inaugurale scandita da aperitivo, Dj set, torneo di biliardino e tanto altro ancora per festeggiare in allegria l’inizio di un nuovo percorso, come sempre alla nostra maniera; con allegria e consapevolezza.