• Home / CITTA / Reggio, dal Comune resa dei conti sull’Atam: ”Accertare responsabilità”
    atam

    Reggio, dal Comune resa dei conti sull’Atam: ”Accertare responsabilità”

    di Stefano Perri – Il Comune di Reggio Calabria chiede all’Atam di passare ai fatti e di individuare precise responsabilità sugli amministratori che hanno condotto l’Azienda titolare del servizio di trasporti cittadino sull’orlo del baratro finanziario.

    Al termine di una riunione, tenutasi stamane presso la sede storica dell’Atam in via Foro Boario, il Comune ha dato mandato all’Amministratore Unico Antonino Gatto ”di esercitare, previa opportuna necessaria istruttoria, l’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori che, procedendo all’iscrizione o al mantenimento dell’iscrizione in bilancio dei crediti individuati dall’attuale Collegio sindacale, in violazione dei criteri di valutazione delle poste in bilancio fissati dal codice civile e della normativa in materia, ed omettendo di rimuovere le cause strutturali di squilibrio della gestione societaria, hanno causato il danno patrimoniale consistente nella perdita del capitale sociale e delle riserve nonché di quello non patrimoniale; tanto al fine di ottenere il risarcimento dei predetti danni e di ogni altro danno subito”.

    Gatto atamSi chiede in sostanza all’Amministratore Gatto di individuare le responsabilità del passato, che hanno condotto l’Atam sull’orlo della bancarotta. Il Comune dunque decide di vederci chiaro e a pochi giorni da quello che sarà il passaggio decisivo dell’udienza definitiva al Tribunale fallimentare prevista per il prossimo 11 giugno, manda un messaggio inequivocabile nei confronti del passato management dell’Azienda.

    Alla riunione di stamane era presente, al completo, la Commissione Straordinaria composta dal prefetto Gaetano Chiusolo, dal dott. Giuseppe Castaldo e dal dott. Carmelo La Paglia, assistiti dal consulente avv. Antonio Gangemi e dalla dott.ssa Maria Luisa Spanò, dirigente del settore “Servizi alle imprese e sviluppo economico”.

    ”Nelle more degli accertamenti che fossero necessari – recita ancora il documento ufficiale stilato al termine della riunione – l’Amministratore unico avrà comunque cura di adottare tutte le iniziative dirette ad interrompere i termini di prescrizione e a porre in essere ogni altra cautela diretta ad impedire che il decorso del tempo causi ulteriori irreparabili danni all’ente”.

    Un passaggio chiarissimo, che peraltro si inserisce nell’alveo dell’inchiesta aperta dalla Procura di Reggio Calabria proprio sul buco scoperto all’interno dei bilanci dell’Atam. Un deficit finanziario registrato dai libri contabili che dovrebbe divenire molto più chiaro entro qualche giorno, in sede di approvazione del bilancio relativo all’annualità 2013. Un resoconto che aiuterà l’Amministratore Antonino Gatto ad avere chiarezza della reale portata del deficit e delle eventuali responsabilità da denunciare.