• Home / CITTA / Casa Serena, incontro tra sindacati e cooperativa: ”Servono garanzie per tutti i lavoratori”
    Cisl fp messina

    Casa Serena, incontro tra sindacati e cooperativa: ”Servono garanzie per tutti i lavoratori”

    Solo 38 lavoratori sui circa cento attualmente in organico continueranno ad essere impiegati nei servizi di Casa Serena. Un numero legato alla riduzione degli anziani che saranno ospitati nella struttura durante il periodo di esecuzione dei lavori di ristrutturazione. È stato questo, in sostanza, l’argomento sul tavolo dell’incontro convocato dalla Cooperativa Azione Sociale, affidataria del servizio di Casa Serena, svoltosi in mattinata presso la sede di LegaCoop.
    “Ci è stato illustrato – spiega Calogero Emanuele, segretario provinciale della Cisl Fp – il documento con cui l’Amministrazione comunale ha indicato quali dovranno essere le prescrizioni per il proseguimento dell’attività, del servizio, del personale e dei costi. Da questi numeri la riduzione del personale. Ma – rileva Emanuele – il documento doveva essere frutto di un preventivo accordo tra Amministrazione, Sindacati e Cooperative e ciò non è avvenuto e, comunque, adesso è necessario che il confronto si sposti sul tavolo dell’Amministrazione per dare vita ad un protocollo di garanzia per tutti i 100 lavoratori”.
    La Cisl Fp, insomma, vuole messo nero su bianco le promesse e le voci di corridoio che danno gli “esclusi” reimpiegati attraverso i bandi dei servizi previsti dalla legge 328 e dei servizi sociali comunali. “Da evidenziare – continua ancora Emanuele – che nel documento non viene specificata nemmeno la data di partenza dell’affidamento e la sua durata. In pratica, si rimodula ma non si sa da quando e per quanto. È chiaro, però, che si dovrà prevedere il rientro di tutti i lavoratori e degli anziani nella struttura non appena saranno ultimati i lavori di ristrutturazione”.
    Un altro aspetto da chiarire, per la Cisl Fp, è legato alla continuità di utilizzo dei lavoratori: “Temiano – sottolinea Emanuele – che si dilatino i tempi di aggiudicazione delle gare con il rischio che i lavoratori destinati agli altri servizi subirebbero una ingiustificata interruzione del rapporto di lavoro, senza alcuna retribuzione”.
    Argomenti che saranno al centro dei confronti tra Amministrazione comunale e sindacati che si terranno venerdì pomeriggio.