• Home / CITTA / Reggio, “Rd smart”: 1 centesimo per ogni Kg di differenziata in isola ecologica

    Reggio, “Rd smart”: 1 centesimo per ogni Kg di differenziata in isola ecologica

    Le famiglie residenti in sedici comuni della provincia di Reggio, nei prossimi giorni, riceveranno una smart card per la raccolta differenziata. L’iniziativa, denominata “RD Smart” (raccolta differenziata smart) è stata illustrata, nel corso di una conferenza stampa, dal presidente della Provincia Giuseppe Raffa, dal dirigente del settore Ambiente dello stesso Ente Carmelo Barbaro e da Teresa Puntura della Team S.p.A. di Roma. All’incontro hanno preso parte i rappresentanti dei comuni che hanno aderito all’iniziativa. Nell’occasione sono state consegnate ai sindaci le prime diecimila “RD Smart”: strumento che consente di accumulare punti per ogni chilo di rifiuto differenziato conferito in una delle dieci isole ecologiche al servizio dei comuni di Melicucco, Melicuccà, Cardeto, Santa Cristina in Aspromonte, Sant’Eufemia d’Aspromonte, Seminara, San Procopio, Motta San Giovanni, Roccella Ionica, Cittanova, Riace, Sinopoli, Mammola, Oppido Mamertina, Terranova Sappo Minulio e Scido. Nella card sarà accreditato un punto per ogni chilogrammo di carta, cartone, alluminio o metallo; quattro, invece, i punti per ogni pezzo di residuo ingombrate, elettrico o elettronico. Un punto equivale a un centesimo di euro. Il bonus accreditato, in tutto o in parte, potrà essere utilizzato per acquistare merce o servizi di vario genere ( dal settore alimentare a quello della telefonia, dai viaggi alle vacanze o di altre tipologie) presso settori o punti vendita territoriali. Ad ogni buon conto gli esercizi convenzionati si possono trovare all’indirizzo e-mail www.ipternetwork.it.
    “L’obiettivo –ha detto il presidente della Provincia Giuseppe Raffa a margine della presentazione dell’iniziativa – è quello di allargare sempre di più la rete dei comuni che si sono consorziati per realizzare isole ecologiche e, ovviamente, di portare la raccolta differenziata dal 20% di qualche mese fa al 50% che è uno degli obiettivi del mio programma politico. E’ chiaro che bisogna stimolare sempre di più il cittadino per attuare questo tipo di raccolta, riducendo così il conferimento del “tal quale”, cioè dell’indifferenziata, in discarica che rappresenta uno dei problemi che deprimono la valorizzazione del territorio e, conseguentemente, le sue prospettive di crescita e di sviluppo. Sappiamo benissimo l’origine dell’attuale crisi dei rifiuti nella nostra terra, ma sappiamo anche che se ci fosse stata maggiore attenzione sulla raccolta differenziata l’attuale problematica risulterebbe notevolmente alleviata”.