• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro: stop a frutta e verdura venduta in strada, non è legale

    Catanzaro: stop a frutta e verdura venduta in strada, non è legale

    Si è tenuto nei giorni scorsi un incontro tra il presidente della Confcommercio, Pietro Tassone, ed il Direttore dell’ Unità Operativa Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (U.O.I.A.N.), Dott. Francesco Faragò. Nell’occasione si è discusso della recente sentenza della Corte di Cassazione Penale n.6108/2014 che ha fornito un rilevante orientamento giurisprudenziale sulla corretta esposizione, dal punto di vista igienicosanitario, dei prodotti alimentari all’aperto. La sentenza succitata ha infatti statuito che la messa in commercio di frutta all’aperto (nel caso di specie su un marciapiede antistante l’esercizio commerciale) ed esposta agli agenti inquinanti costituisce una violazione dell’obbligo di assicurare l’idonea conservazione delle sostanze alimentari e di rispettare l’osservanza di disposizioni specifiche integrative del precetto,con conseguente insorgere di responsabilità penali per l’esercente. Alla luce di quanto esposto nei prossimi giorni saranno predisposti una serie di controlli da parte degli organi Asp competenti per verificare le condizioni della vendita di frutta e/o altri generi alimentari all’aperto. Si invitano, pertanto, tutti gli operatori commerciali del settore a porre in essere tutte le misure igieniche idonee ad evitare di incorrere in violazioni di legge, a tutela, oltre che della propria impresa, anche della salute dei consumatori. Si ringrazia, inoltre, l’Azienda Sanitaria che, in ottica collaborativa e nei giusti tempi, ha sensibilizzato la ns. organizzazione sul tema.