• Home / CITTA / Catanzaro / Catanzaro restyling piazza Matteotti: sarà restaurato il monumento ai Caduti

    Catanzaro restyling piazza Matteotti: sarà restaurato il monumento ai Caduti

    Nel restyling di piazza Matteotti progettato da Franco Zagari ci sarà anche la “firma” dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro. Saranno alcuni docenti dell’istituto d’arte diretto da Anna Russo a provvedere al restauro del monumento ai Caduti e ad altri interventi artistici che adorneranno uno fra i più importanti “pezzi” della città. L’incarico è stato formalizzato nei giorni scorsi.
    Il monumento ai Caduti della Grande Guerra (1915-1918) è pronto ad acquisire nuova luce. Si tratta di un poderoso gruppo scultoreo in bronzo di connotazione classica inaugurato nel 1933. L’opera di Michele Guerrisi sarà completamente restaurata dall’architetto Giovanni Polimeni. Nello specifico, gli interventi che verranno effettuati saranno la rimozione delle sovrapposizioni in malta cementizia, la pulizia e la raddrizzatura di alcune parti in prossimità del basamento e di una suola dello scarpone di un militare del gruppo scultoreo, la ricostruzione delle parti mancanti con fusione in bronzo e il posizionamento tramite l’ancoraggio ritenuto più idoneo.
    Il termine dei lavori è previsto entro sessanta giorni. Dello stesso arco temporale si parla per il completamento degli interventi artistici su parte dei marciapiedi oggetto di riqualificazione. La collocazione di questa opera decorata fa sì che essa sia soggetta a continuo calpestio, ciò la rende un’opera effimera che dovrà essere riqualificata tra un paio di anni.
    Mancano poche settimane prima che questo importante spazio urbano si presenti ai cittadini con un volto totalmente riqualificato. Il restyling di piazza Matteotti è uno degli elementi della strategia messa in campo dall’Amministrazione Abramo che punta a rendere maggiormente vivo e frequentato il centro della città.
    Secondo il sindaco, l’apporto dell’Accademia delle Belle Arti a piazza Matteotti rafforzerà la collaborazione che si è stretta tra il Comune e l’Istituto di Alta Formazione.