• Home / CITTA / Turismo, Donnici: “Classe dirigente calabrese non all’altezza”

    Turismo, Donnici: “Classe dirigente calabrese non all’altezza”

    ”La classe dirigente calabrese non e’ all’altezza di gestire l’aspetto turismo”. Lo ha detto all’ADNKRONOS Beniamino Donnici, parlamentare europeo e primo assessore al turismo (in quota Idv prima della sua fuoriuscita) della giunta regionale guidata da Agazio Loiero nel commentare i dati pubblicati oggi sul ‘Giornale’. L’eurodeputato critica la modalita’ di spesa dei fondi regionali destinati alla promozione turistica (”ho anche promosso un’interrogazione sull’argomento”) e definisce ”disastrosa” la campagna pubblicitaria realizzata da Oliviero Toscani per la quale la Regione Calabria ha speso trecentomila euro: ”Era il contrario dell’immagine che si doveva dare della Calabria e della sua identita’. Il sorriso dei bambini poteva promuovere anche un dentifricio”. Donnici ricorda che e’ stato cambiato un assessore al turismo ogni anno da quando Loiero si e’ insediato e non si spiega ”perche’ si e’ dovuto cambiare anche l’impostazione del lavoro. Io avevo puntato sull’identita’ del territorio e il lavoro cominciava a dare i suoi frutti. Capisco che per ragioni di equilibri politici si cambi assessore ma -aggiunge- non capisco proprio perche’ si debba cambiare radicalmente l’impostazione che avevo dato”. L’ex assessore regionale al turismo non fa sconti alla giunta Loiero (”naviga a vista”) e commenta i dati della stagione turistica: ”Bastava andare nei luoghi piu’ rinomati dal punto di vista turistico per rendersi conto dell’andamento e verificare lo stato di crisi”. Infine un’ultima considerazione sulle campagne promozionali della Regione Calabria: ”Abbiamo pensato di promuovere la nazionale italiana di calcio non quando ha vinto i mondiali ma quando ha perso gli europei. Ora basta. Bisogna uscire alla verita’ e dire che questa classe politica dirigente non e’ in grado di affrontare la sfida sul turismo”. (Adnkronos)