• Home / CALABRIA / Fermi lavori trasversale delle Serre, chiesto commissariamento Anas
    Anas (società del Gruppo FS Italiane) comunica che, sono stati aggiudicati tre lotti per i lavori di completamento della strada statale 182 ‘Trasversale delle Serre’ in provincia di Vibo Valentia. Gli interventi riguardano i lavori di completamento a suo tempo aggiudicati all’Impresa Cavalleri Infrastrutture s.r.l. fallita, e riguardano i lavori di costruzione del Tronco 1° 2° lotto tra lo Svincolo ‘Serre’ dell’A2 “Autostrada del Mediterraneo” alla strada provinciale ‘Fiume Mesima’; Tronco 1° Stralcio 2° Sp Fondovalle Mesima a Vidotto Scornari e i lavori del Tronco 3° Lotto° 2°da località Cimbello a Bivio Montecucco. L’appalto è stato aggiudicato al Consorzio Stabile A.R.E.M. Lavori S.C.A.R.L. con sede in Santa Maria Capua Vetere (CE), per un importo complessivo di circa 867 milaeuro. I lavori che saranno consegnati all’Impresa aggiudicataria dopo le Festività Pasquali, avranno inizio, con le prime attività propedeutiche per l’avvio del cantiere e l’allestimento delle aree, entro il mese di aprile 2018. L’apertura al traffico dei tratti connessi con i lavori inerenti al Tronco 1° 2° lotto e Tronco 1° Stralcio 2 è prevista entro tre mesi dalla data di avvio dei lavori.

    Fermi lavori trasversale delle Serre, chiesto commissariamento Anas

    Sono fermi lavori trasversale delle Serre e parte dalla Calabria una petizione per chiedere il commissariamento dell’Anas per questo motivo. Istanza indirizzata al Ministro dell’Economia e delle Finanze, al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, all’Anac, alla Procura della Repubblica di Catanzaro e alla Corte dei Conti. A lanciare il durissimo affondo è il Comitato “Trasversale delle Serre – 50 anni di sviluppo negato” che si riunirà in assemblea il prossimo sabato 28 ottobre alle ore 10.30 presso la sala consiliare del Comune di Gagliato (Cz). Prima tappa della campagna di raccolta firme che toccherà non solo le province di Catanzaro e Vibo Valentia, direttamente coinvolte nella costruzione della “secolare” incompiuta superstrada Jonio-Tirreno, ma sarà aperta a tutti, anche con la possibilità di sottoscrizioni via web.  “Dopo mesi e mesi di inutile attesa – scrive il sodalizio – registriamo l’ennesimo e inaccettabile blocco dei cantieri lungo il tracciato della Trasversale delle Serre, escludendo da questo scenario di immobilismo totale l’inutile rotatoria di Satriano, oggi in fase di completamento. L’Anas, pur dichiarando pubblicamente e a più riprese la disponibilità di ingenti finanziamenti, non solo non riesce a produrre il benché minimo risultato concreto per la realizzazione dell’opera in questione, ma, in quanto società per azioni di proprietà dello Stato, è venuta meno anche agli ineludibili principi della trasparenza e dell’informazione. Dalla data del 6 febbraio 2017, infatti, giorno in cui siamo stati ricevuti presso la sede compartimentale di Catanzaro, attendiamo risposte ben precise: 1) sui lavori effettuati; 2) i lavori in corso di esecuzione; 3) gli interventi in corso di progettazione. Alla riunione in oggetto erano presenti non solo i cittadini membri del Comitato, ma anche deputati e senatori della Repubblica, consiglieri regionali, presidenti di Provincia, sindaci e amministratori locali di ogni livello, firmatari di una richiesta di documenti che resta tutt’ora inevasa. Dopo ben otto mesi. Evidentemente, ci chiediamo, neanche tali autorevoli rappresentanze politiche vengono prese in considerazione? Un fatto gravissimo che chiama alle proprie responsabilità i vertici al completo dell’intera azienda”. Per questi motivi, “preso atto dell’impraticabilità di ulteriori azioni di dialogo e confronto, destinate a rimanere lettera morta, il Comitato ritiene sia giunto il momento da parte delle autorità preposte di fare completa e definitiva chiarezza sull’intera storia dell’appalto della Trasversale delle Serre”. Da qui la raccolta firme che partirà sabato 28 ottobre dall’attuale “capolinea” di Gagliato della superstrada Jonio-Tirreno.