• Home / CALABRIA / Ferragosto sulle strade di Calabria: le mete gettonate

    Ferragosto sulle strade di Calabria: le mete gettonate

    Una bellissima giornata di sole sta accompagnando il Ferragosto in Calabria. Fin dalle prime ore di questa mattina sulle principali arterie si sono riversate migliaia di auto in direzione delle principali località turistiche. Molto traffico, come previsto, sulla Statale 106 verso le spiagge della Jonica: Bocale, Lazzaro, Melito, Marina di San Lorenzo, Condofuri, Soverato, Pietragrande, Montepaone, ma anche Capo Rizzuto, Rossano. Stesse scene sulla Costa Viola, a Scilla, a Favazzina e su tutto il litorale tirrenico fino alla provincia di Cosenza. Gettonate Pizzo e Tropea, nel vibonese, ma anche la suggestiva Le Castella, da sempre destinazione prescelta per calabresi e turisti internazionale.

    Non si segnalano particolari criticità mentre la polizia stradale, come sempre avviene in queste giornate, ha rafforzato la presenza di pattuglie sulle strade. Tra l’altro, questo è il primo Ferragosto in assoluto in cui l’autostrada Salerno – Reggio Calabria è interamente aperta in tratti a due o tre corsie.

    La montagna tra le mete tradizionali

    Tornando alle mete scelte per questa giornata che conclude il lungo weekend centrale di agosto, in molti hanno optato per Gambarie d’Aspromonte e la Sila sia nel catanzarese che nel cosentino, nel pieno rispetto della tradizione. Tradizione che passa anche dalla tavola con i consueti “rituali” del barbecue di carne oppure con i pranzi organizzati negli agriturismo della zona.

    I musei aperti a Ferragosto

    Giornata di apertura per i principali musei del Paese e il polo museale calabrese non poteva mancare. Naturalmente, rimarrà aperto anche il nuovo Museo Archeologico Nazionale di Reggio che, dopo gli ottimi risultati in termini di presenze ottenuti dopo la riapertura, punta a incassare un buon numero di visite anche oggi. I turisti, ma anche i cittadini calabresi, che non hanno scelto una giornata al mare o optato per il fresco delle belle montagne della Calabria, che vorranno dedicarsi alla cultura ed ai reperti hanno più mete tra cui scegliere, in tutte le province.