• Home / CALABRIA / Economia, Calabria bocciata: – 9,4 % esportazioni nel 2016

    Economia, Calabria bocciata: – 9,4 % esportazioni nel 2016

    Dal Rapporto annuale sul commercio estero “L’Italia nell’economia internazionale 2015-2016” dell’Ice – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, giunto quest’anno alla 30° edizione, emerge che nel 2015 le esportazioni italiane di merci hanno continuato a crescere ad un ritmo sostenuto (3,8%). La crescita è stata leggermente più forte nel mercato europeo (3,9%) che nei paesi extra Ue (3,6%), anche quest’anno trainati da Nord America, Asia centrale e Medio Oriente.
    In questo contesto, nel 2015 le esportazioni della Calabria, pari a 374 milioni di euro,sono cresciute del 15,1%, ben superiore rispetto alla media nazionale (3,8%), ma restando la regione con la quota più bassa (0,1%) sul totale nazionale. Anche sul lato delle importazioni la regione è stata molto dinamica, con una crescita nel 2015 (+3,8%) superiore alla media nazionale (+3,3%) e in controtendenza rispetto alla diminuzione registrata nel 2014 (-1,4%).
    Con riferimento ai principali mercati di sbocco, nel 2015 l’Unione Europea si è confermata come principale area di sbocco delle esportazioni calabresi, con un significativo aumento dei flussi (+13,2%), nonostante l’andamento differenziato nei principali mercati comunitari (Francia +5,6, Germania-4,1%). Si segnalano i forti aumenti delle esportazioni verso il Regno Unito (+22,2%) e Spagna (+116,2%).Fra le altre aree di sbocco si annoverano mercati maturi e vicini, come i paesi europei extra Ue (+10,3%) trainati dalla Svizzera (+10,7%), e il Nord America (+9,5%) guidati dagli Stati Uniti (+9,6%).
    A livello settoriale, i prodotti alimentari hanno mantenuto il primato, afferendo circa un quarto delle esportazioni calabresi,con una crescita sostenuta delle esportazioni (+8,9%),mentre i prodotti chimici e i macchinari, secondi e terzi per importanza, hanno registrato un vero e proprio boom (+19,2% e +22,6%).I prodotti dell’agricoltura hanno conosciuto un più modesto incremento dell’export (+1,3%), mentre la metallurgia è stata fra i settori più dinamici (+21,5%).
    Nell’esportazione di servizi, la Calabria ha registrato un aumento del 53,7% rispetto all’anno precedente, ma i valori restano molto bassi rispetto al totale nazionale (0,2%).
    Gli operatori all’esportazione della Calabria sono stati pari a 1.456 unità nel 2015 (meno dell’1% del totale nazionale), con un valore medio esportato per operatore di poco superiore ai 250 mila euro.
    Nel primo trimestre del 2016, le esportazioni hanno registrato una fortecontrazione (-9,4%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre le importazioni hanno segnato unforte rialzo(+14,7%). Le esportazioni dei prodotti alimentarie dei prodotti chimici sono in aumento (+2,7% e +4%), mentre quelle dei prodotti dell’agricoltura hanno registrato una consistente dinamicità (+36%). Anche la metallurgia e i prodotti in metallo calabresi hanno goduto di un grande aumento dell’export(+29,1% e +19,4%). I macchinari e le apparecchiature, invece, hanno visto dimezzarsi le proprie esportazioni (-56%) rispetto al primo trimestre del 2015.