• Home / CALABRIA / Cassazione conferma condanna per giudice Giglio: 4 anni e 5 mesi
    Vincenzo Giglio

    Cassazione conferma condanna per giudice Giglio: 4 anni e 5 mesi

    La sesta sezione penale della Corte di Cassazione ha confermato le decisioni del secondo grado per il giudice Vincenzo Giglio. Passa in giudicato, dunque, la condanna inflitta dalla Corte d’Appello di Milano che nei suoi confronti aveva comminato 4 anni e 5 mesi di reclusione.

    Il magistrato era stato arrestato insieme all’ex consigliere regionale della Calabria Franco Morelli. Giglio è è finito nei guai per notizie riservate su indagini in corso che avrebbe fornito al consigliere e per i suoi rapporti con il boss Giulio Lampada. La Suprema Corte ha anche confermato la condanna a 8 anni e 3 mesi per Morelli. A Raffaele Fermino 4 anni e 8 mesi di reclusione, per il medico Vincenzo Giglio (cugino del giudice) 7 anni di carcere, per Leonardo Valle a 8 anni e 6 mesi, per Francesco Lampada a 3 anni e 8 mesi e per l’ex militare della Guardia di Finanza Luigi Mongelli a cui furono comminati 4 anni e 5 mesi di reclusione.

    La Suprema corte ha inoltre disposto l’annullamento, con rinvio a un’altra sezione della Corte d’Appello di Milano, della condanna inflitta a Maria Valle, che ammontava a 2 anni e 9 mesi di reclusione, nonché di quelle rimediate da Luciano Russo, Michele Noto e Michele di Dio, tre finanzieri assolti in primo grado, e punti in Appello con 3 anni e 9 mesi di reclusione. Per questi quattro imputati quindi gli atti tornano nella città meneghina e il processo di secondo grado si dovrà rifare.

    L’ex presidente della Corte d’Assise reggina è stato riconosciuto colpevole anche in Cassazione.