• Home / CALABRIA / Colpita ancora la ‘ndrangheta: fiori e cioccolata, la nuova Eldorado dei clan
    Fiori Olandesi

    Colpita ancora la ‘ndrangheta: fiori e cioccolata, la nuova Eldorado dei clan

    Fermo di indiziato di delitto per 50 persone accusate di associazione mafiosa, detenzione di armi, traffico di stupefacenti, ricettazione e intestazione fittizia di beni a Siderno e Marina di Gioiosa Jonica. E’ il bilancio dell’ultima operazione, congiunta, carabinieri e Polizia, che questa mattina, coordinati dalla Direzione nazionale antimafia, hanno fermato 21 persone a Latina, 19 a Marina di Gioiosa, dai Ros in Calabria, e 10 a Siderno dalla squadra mobile di Reggio.
    Il risultato di un coordinamento tra la procura di Roma, quella di Amsterdam ed altre procure. “Un’operazione storica”, spiega il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, nel corso della conferenza stampa che si è svolta questa mattina Roma. “L’indagine è stata portata avanti dal Ros e dal servizio centrale operativo e dalla squadra di Reggio”. Nell’ambito dell’operazione è emerso come la ‘ndrangheta sia il rivenditore della mafia, non solo per la cocaina ma anche perla “meno fruttuosa” marijuana. “Una delle tre operazioni più importanti svolte a Reggio Calabria degli ultimi dieci anni”, per il procuratore aggiunto Gratteri a causa delle famiglie coinvolte: in ordine di importanza Macri, Commisso, Coluccio e Crupi. Tra cui i figli eredi di Francesco Commisso. “Da anni la famiglia Crupi si è insediata a Latina impiantando un’attività economica florivivaistica in Italia e in Olanda e in Canada”, spiega il procuratore aggiunto di Roma Prestipino che parla di “lavoro di sinergia virtuoso”. Ma lavoro di squadra non solo tra le varie forze di ordine in Italia e tra le varie procure, “anche con le autorità olandesi” precisa ancora Roberti. “Dimostrazione che quando si verificano le condizioni la cooperazione internazionale funziona”.

    I SOLITI “NOTI”

    Le famiglie su cui si è incentrata l’indagine sono già ben note elle forze dell’ordine. Si tratta dei Commisso e dei Crupi, considerate di elevato lignaggio a Siderno, con estensione dei clan in Olanda e in Canada; c’è poi la famiglia degli Aquino-Coluccio storicamente al vertice della ‘ndrangheta a Marina di Gioiosa Jonica (Reggio Calabria) e attiva nel traffico di droga anche nel territorio ionico catanzarese.

    FIORI E CIOCCOLATA LA NUOVA ELDORADO DELLA ‘NDRANGHETA

    Il mercato internazionale della floricoltura e la ricettazione della cioccolata di marca i nuovi “orizzonti” della criminalità calabrese. Nell’inchiesta, infatti, emerge la gestione ad Amsterdam di “un importante import-export” nel mercato internazionale dei fiori, con elementi della famiglia Crupi “saldamente radicati in quel settore merceologico”.

    La ‘ndrangheta, secondo quanto sottolineato dal procuratore aggiunto della Dda di Roma Michele Prestipino, “è un’organizzazione criminale in grado di adattarsi ad ogni settore appetibile di mercato, come ad esempio il settore della floricoltura in Olanda, intuendo per tempo quali business ‘tirerannò sotto il profilo economico. Bisogna uscire dal cliché per cui i proventi delle attività illecite vengono reinvestiti solo e necessariamente in settori come centri commerciali, ristoranti e pizzerie”.

    Sono stati, invece, i Commisso capaci di inserirsi “nel redditizio mercato della ricettazione internazionale di ingenti quantità di cioccolato”. Si fa riferimento al maxi-furto di tavolette “Lindt” per 250 tonnellate, per un valore complessivo di 7 milioni di euro, da rivendere successivamente nel circuito legale.

    Leggi anche:

    ‘Ndrangheta – Operazione della Dna: i nomi di tutte le persone coinvolte

    Roberti: ‘Cosa nostra è stata completamente sovravanzata dalla’ndrangheta’

    Colpita ancora la ‘ndrangheta: fiori e cioccolata la nuova Eldorado dei clan

    Gratteri: ‘Milano è la più grande piazza di consumo di cocaina di tutta Europa’