• Home / CALABRIA / Dieta Mediterranea, Pasqua: ‘Ben vengano tutte le proposte di legge utili’

    Dieta Mediterranea, Pasqua: ‘Ben vengano tutte le proposte di legge utili’

    “Nicotera è la Dieta Mediterranea”. Interviene, perentoriamente, il consigliere regionale Vincenzo Pasqua (Oliverio Presidente) in merito alla legge presentata dai consiglieri regionali dello stesso Gruppo, Orlandino Greco e Franco Sergio, ed illustrata lunedì nel corso di una conferenza stampa svoltasi a Palazzo Campanella con la partecipazione del presidente del Consiglio regionale Nicola Irto.
    “Ben vengano – aggiunge Pasqua – tutte le proposte di legge utili a promuovere e valorizzare le ricchezze della nostra regione, ma, particolarmente in questo caso, alla condizione che lo spirito della proposta di legge tenga conto della centralità di Nicotera rispetto alla Dieta Mediterranea. Proprio a Nicotera, infatti, nell’ottobre del ’57, lo scienziato americano Ancel Keys concluse lo studio pilota da cui nacque, come riconosce la comunità scientifica internazionale, la ‘Dieta Mediterranea italiana di riferimento’. I cui elementi fondamentali sono gli alimenti che debbono possedere caratteristiche organolettiche rintracciabili proprio laddove la Dieta nasce: in Calabria”.
    Ancora Pasqua: “E’ importante che si proceda all’esame e all’approvazione della legge in tempi stretti, anche per evitare un ennesimo scippo ai danni della Calabria con ricadute negative sulla produttività del settore primario e dell’economia. Ma con altrettanta rapidità – conclude il consigliere regionale – è decisivo riconosce, attraverso il testo di legge, che Nicotera è la città intorno alla quale far gravitare ogni iniziativa concernente la Dieta Mediterranea. E’ pertanto auspicabile che proprio a Nicotera si tenga un evento regionale per far comprendere in pieno ai calabresi le enormi potenzialità che si possono sviluppare sotto il profilo economico, sociale e sociosanitario e, in più, l’impatto positivo e qualificante sia sulle produzioni agroalimentari che sulle attività enogastronomiche e culturali per il settore turistico calabrese”.