• Home / CALABRIA / Michele Guerrieri (FI Giovani): Rammaricato per comunicato Luigi De Rose, da colpa a chi non ha potere decisionale

    Michele Guerrieri (FI Giovani): Rammaricato per comunicato Luigi De Rose, da colpa a chi non ha potere decisionale

    L’ affossamento di Forza Italia e il suo potere di non rinnovarsi e non ripartire dai territori e mostrato dal comunicato, che è in pratica uno ‘scomunicato’ contro l’On Raffaele Fitto. Chi parla sicuramente non conosce o magari non intuisce ciò che un autorevole esponente di Forza Italia da mesi ribadisce con vigore e con coerenza. Difficile pensare, molto difficile credere che un coordinatore dei giovani di una Regione metta benzina sul fuoco contestando aspramente le proposte di un dirigente di elevato spessore sulle cui posizioni, io come tanti altri ci rivediamo. Se me faccia una ragione che tutti iscritti a Forza Italia non hanno un pensiero unico sulla gestione del Partito e che tanti stanno dalla parte di Fitto per la sua linea politica di rinnovamento popolare, lasciando fuori la porta di Forza Italia, l’ enorme fila di nominati, che stanno affossando il partito stesso, che con la loro gestione stanno facendo perdere elettori e credibilità al Partito che rappresenta il PPE del nostro Paese. Ci troviamo forse a fare discorsi più grandi di noi, forse perché è inutile parlare delle ultime elezioni regionali o di altre figuracce nazionali. Fitto ha avuto ragione, la legge elettorale cambiata da Italicum a Espositum non andava votata, le riforme indigeribili che ora il cerchio magico dei nominati di FI dice di averle votate per difendere il pacco del nazareno. Ma non erano le stesse riforme che per loro stessa ammissione, servivano a salvare il Paese? Si è donato il sangue a Renzi, poi ci si avvicina a Salvini, proprio per una spinta meridionalista di Forza Italia. Tutto questo mentre alcuni dissentono, con forza, con la forza della libertà, da popolari o da liberali, con un coraggio nuovo, che non si puo spegnere, da chi è colpevole di una gestione fallimentare del Partito. Questa è la politica nazionale che credo ne io ne altri, siamo capaci di parlarne con enorme conoscenza, visto le grandi tematiche dei nostri territori, di cui noi ci rapportiamo, a cui troppo spesso non si da voce. Solidale con Raffaele Fitto, e sicuro che le parole di questi mesi dell’ On Saverio Romano, lascino in ognuno, una speranza, un’ idea di una politica fatta dal basso, dove contano i territori e le persone, i bisogni e le buone idee.

    Michele Guerrieri (FI Giovani)