• Home / CALABRIA / Regione, polemiche su Giunta, Ferro: ‘Giunta in ritardo e monca. Inaccettabile’
    Wanda Ferro

    Regione, polemiche su Giunta, Ferro: ‘Giunta in ritardo e monca. Inaccettabile’

    di Clara Varano – “Il buongiorno si vede dal mattino e Oliverio non ha mantenuto quello che aveva garantito durante la Campagna elettorale. La Giunta è monca e non è certo questo che si aspettavano i calabresi con tutte le problematiche che la regione deve affrontare”. È dura, diretta e politicamente spietata nella sua dichiarazione Wanda Ferro, leader della coalizione di centrodestra che a novembre scorso concorreva con il Pd per il governo regionale. Argomento, naturalmente, le scelte del governatore dem e tutte le polemiche che hanno suscitato a livello locale e nazionale.
    Nino De Gaetano in Giunta non piace proprio a nessuno, del resto, se non piace ad alcune frange interne del suo stesso partito perché dovrebbe piacere all’avversario? Wanda, però, non entra nel merito della polemica che definisce “spigolosa” sulla quale “è necessaria una riflessione, dettata principalmente dalle stesse dichiarazioni dell’esecutivo” Delrio, in primis, e Lanzetta che gli fa eco subito dopo.
    Questo però era prevedibile secondo Wanda perché “chiunque conosce la Calabria ed i meccanismi della politica solo chi non ha voluto vedere non ha visto. Alla fine è venuto fuori quello che si tentava di cambiare”.
    La montagna, dunque, ha partorito il topolino: “Una giunta monca, con 2 mesi e mezzo di ritardo – aggiunge Wanda Ferro – dopo una vittoria così ampia, non è accettabile. Oliverio avrebbe dovuto dimostrare la volontà di voler governare e non lo ha fatto. Questo succede quando si vuol vincere con coalizioni ampie con persone che passano da una parte all’altra, ma soprattutto nella poca chiarezza, che alla fine sta emergendo”.

    “L’augurio – conclude – è che al più presto si possa insediare una Giunta al completo e che le competenze di chi andrà a ricoprire le deleghe siano adeguate alla professionalità che esprimono piuttosto che alle esigenze dei vari settori”.