• Reggina: a Venezia la vittoria più importante

    In Laguna un successo che vale più di quanto si pensi

    Si potrebbe pensare che serva coraggio per dire che la vittoria a Venezia, per la Reggina, vale più di quella ottenuta contro il Genoa. In realtà non è così, perché basta qualche deduzione logica per sapere che quella firmata da Canotto ed Hernani al Penzo è un successo di platino.

    Una prova di maturità vera e propria, perché di fatto segna il salto di qualità per la squadra alleanta da Pippo Inzaghi. Soprattutto per come si era messa.

    Nel primo tempo un Venezia indemoniato e una squadra amaranto forse ancora intenta a specchiarsi per la splendida prova di lunedì, avevano rischiato di rendere amarissimo il pomeriggio a chi ha a cuore le sorti del club di Reggio Calabria.

    Soprattutto ai 1200 fan reggini che hanno tifato per tutta la partita, facendo giocare in casa la squadra ospite.

    Lo svantaggio, effetto di tanti errori commessi, non aiutava ad essere ottimisti. L’unico dato positivo del primo tempo era stato l’essere riusciti a tenere il risultato in bilico, anche con un po’ di fortuna.

    E quell’appiglio è stato sufficente per organizzare una reazione d’orgoglio e qualità tecnica, capitanata dal leader tecnico Menez (entrato nella ripresa). Nel momento in cui la Reggina è tornata a fare quello che sa, per il Venezia non c’è stato scampo.  Anche perché i lagunari erano vistosamente calati dal punto di vista fisico.

    E il fatto che la squadra di Inzaghi adesso sia in grado anche di subire il colpo e rimontare è un alto processo di crescita completato, se si considera come stavano le cose poche settimane fa.