• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Vibo Valentia, il 7 maggio mostra di cimeli della II Guerra Mondiale

    Vibo Valentia, il 7 maggio mostra di cimeli della II Guerra Mondiale

    Martedì 7 maggio con inizio alle ore 10 la Sala Congressi dell’hotel 501 ospiterà una Conferenza sull’80° anniversario dell’emanazione delle leggi razziali e sul 70° anniversario dell’entrata in vigore della Costituzione Italiana.

    Per l’occasione verrà presentata una Mostra documentale di cimeli della II^ Guerra Mondiale, patrocinata dall’Aicg, l’Associazione italiana ciechi di guerra e per servizio militare e dal Consiglio Regionale della Calabria.

    I lavori, coordinati dal dott. Nicola Raffaele, avranno inizio con i saluti del Presidente nazionale dell’Aicg Gr.Uff. Italo Frioni, del Presidente regionale comm.prof. Carmine De Fazio, del Commissario Prefettizio del Comune dott. Giuseppe Guetta.

    Relatori dell’evento, al quale collaborano il dott. Carlo Maiolo Franzè ed il M° Lorenzo Proto, saranno il preside Giacinto Namia, autorevole e prestigioso esponente del mondo vibonese della cultura e dell’arte che riferirà “sull’entrata in vigore della Costituzione Italiana” avvenuta il 22.12.1947 ed il Generale dell’Esercito Italiano in aus. Francesco Deodato che oltre ad avere organizzato la Mostra spiegherà “gli effetti nefasti delle discriminazioni razziali derivanti dalla promulgazione del Reg, dec. N 880 del 19 aprile 1937 e sui momenti tragici caratterizzanti gli anni della seconda Guerra Mondiale con particolare attenzione alle conseguenze delle emanazioni delle leggi razziali in Italia.””Ci auguriamo che l’iniziativa – ha commentato, tra l’altro, in sede di presentazione dell’evento lo stesso Presidente Regionale dell’Aicg Carmine De Fazio – possa essere accolta con favore dalle istituzioni scolastiche ed in particolare dalle giovani generazioni che sono la speranza della nostra Patria”

    Prevista la partecipazione anche, oltre che delle autorità istituzionali della provincia e del comune anche le rappresentanze scolastiche degli Istituti superiori calabresi di I e II grado.