• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Bevacqua: “Firmato decreto per autorizzazione fermata Sibari”

    Bevacqua: “Firmato decreto per autorizzazione fermata Sibari”

    “Il Dipartimento regionale Infrastrutture e Trasporti ha autorizzato specifico programma per lo svolgimento di servizi a libero mercato di trasporto passeggeri su strada per la linea Cariati- Catania e Cariati-Palermo: così come avevo preannunciato nelle scorse settimane, il programma comprende esplicitamente la nuova istituzione fermata di Sibari Autostazione”. È quanto dichiara il consigliere Bevacqua, il quale così prosegue: “La possibilità della specifica effettuazione di servizi a libero mercato, è conseguenza diretta dell’articolo 17 della legge regionale 35/2015 (Nuova legge regionale sul trasporto pubblico locale), discussa e definita nel corso dell’ampio lavoro condotto nella IV Commissione da me presieduta. L’istituzione della nuova fermata scongiura insostenibili disagi per le comunità interessate che, altrimenti, avrebbero visto seriamente compromesso l’esercizio concreto di un diritto alla mobilità già notevolmente compresso in questi territori. L’interlocuzione avviata con l’assessore Musmanno e il dirigente Pavone, che ringrazio per la consueta disponibilità, ha consentito di acquisire le corrette informative in relazione alla necessità del percorso e di evitare il manifestarsi di ulteriori criticità per l’Alto Ionio. La società autorizzata allo svolgimento del servizio, la IAS Touring s.r.l, ha già trasmesso il programma di esercizio, comprensivo di esatta localizzazione delle fermate e degli orari, unitamente alle tariffe, alle pagine web di interesse e ai recapiti per informazioni e reclami, in conformità ad apposito schema predisposto dal Settore regionale”. “Confido – conclude Bevacqua – che la positiva risoluzione della questione, possa essere di giusto sollievo per le legittime preoccupazioni che i cittadini fruitori avevano sollevato nei mesi scorsi e che, in ragione dei doveri inerenti alle mie funzioni istituzionali, avevano provveduto a far pervenire alla mia attenzione”.