• Home / ARCHIVIO / Notizie archivio / Vibo Valentia – Denuncia degrado ambientale di Gioventù nazionale e FdI

    Vibo Valentia – Denuncia degrado ambientale di Gioventù nazionale e FdI

    “Persiste incombente il problema del degrado ambientale a Vibo Valentia. Per l’ennesima volta Gioventù Nazionale e Fratelli D’Italia si fanno portavoce del malcontento generale dei cittadini, i quali sono costretti a convivere con sterpaglie e rifiuti sparsi lungo le vie della città e non solo”. Scrive in una nota stampa Rosario Losiggio
    Coordinatore Provinciale Gioventù Nazionale Vibo Valentia.
    “Questa volta Gioventù Nazionale riporta a galla una segnalazione effettuata dal coordinatore cittadino di FDI Anthony Lo Bianco, circa 3 mesi fa, è rimasta inascoltata dai vertici di palazzo Luigi Razza.
    All’interno dell’art 25 del Capitolato, che descrivere il servizio di verde pubblico e spiagge con il conseguente servizio di diserbo ed estirpazione oltre alla cigliatura delle strade, troviamo anche “altre aree” che devono essere descespugliate ove se ne ravveda la necessità.
    E tra le altre aree, rientra quella che noi vogliamo segnalare, via G. De Luca (ex tangenziale ovest) , dove in questi giorni abbiamo effettuato dei sopralluoghi, constatando a distanza di mesi, una situazione a dir poco drastica, la quale, oltre a favorire la presenza di topi, serpenti e altri animali selvatici, non garantiscono le condizioni ottimali necessarie per la salute e il benessere della popolazione.
    I motivi igienici sono una necessità , e anche impellenti e se quella banchina con erba straripante è comunale, dev’essere il comune ad attivarsi.
    Per l’ennesima volta, di conseguenza, ci facciamo portavoce di una richiesta da parte dei cittadini rivolta all’amministrazione e chiediamo che l’assessore all’ambiente, signor Giuseppe Russo, adotti le opportune contromisure e si impegni in un intervento immediato che possa sanare la situazione nel più breve tempo possibile.
    Vibo Valentia non è più disposta a convivere con condizioni circostanti di questo tipo.
    Il Comune si rimbocchi le maniche e inizi a lavorare per gli interessi della popolazione!”