• Home / ARCHIVIO / Commissioni / La sanità calabrese recupera oltre 8 milioni

    La sanità calabrese recupera oltre 8 milioni

    regioneLa Calabria ha recuperato 8.816.489 euro per prestazioni sanitarie extraospedaliere erogate e non compensate in sede di valutazione della mobilita' interregionale per il periodo 2001-2004. Lo ha reso noto l' assessorato regionale alla Salute con un comunicato.

    ''Il risultato – e' scritto nella nota – e' stato ottenuto in occasione della riunione del coordinamento degli assessori regionali alla Salute svoltasi ieri a Roma, alla quale ha partecipato l' assessore Doris Lo Moro. All' unanimita' e' stata riconosciuta alla Calabria la differenza fra prestazioni extraospedaliere per cittadini di altre regioni erogate dalle aziende sanitarie calabresi pari a 19.447.627 euro e l'effettiva compensazione richiesta dalla Regione pari a 10.631.137 euro. La differenza a vantaggio della sanita' calabrese e' emersa grazie ad un' attivita' ricognitiva effettuata dagli uffici regionali in seguito alla riunione della commissione salute della Conferenza delle Regioni tenutasi lo scorso 26 aprile, quando era stato discusso, fra le altre cose, proprio il problema della mobilita' sanitaria''.
       ''La verifica contabile disposta dall' assessore Lo Moro – prosegue la nota – ha consentito di verificare la discrepanza fra gli importi relativi a prestazioni a beneficio di cittadini residenti in altre regioni e quanto effettivamente richiesto a compensazione dalla Regione Calabria. Dalla ricognizione dell' assessorato e' emerso che 'per carenze organizzative e strumentali delle aziende sanitarie ed ospedaliere, nel corso degli anni, i dati relativi alle prestazioni soggette a mobilita' interregionale non sono stati comunicati, ovvero comunicati in modo non esauriente, ovvero – si legge ancora nella relazione – non nei termini stabiliti, al dipartimento per consentirne il recupero, da parte della Regione Calabria, di tutti i costi sostenuti per prestazioni erogate a cittadini di altre regioni relativamente alle tipologie di medicina generale, specialistica ambulatoriale, farmaceutica e cure termali'. In particolare, nessun rimborso per le stesse specialita' era stato chiesto per tutto il 2004''.