• Home / ARCHIVIO / Catania / Reggio: Confesercenti da il via i supersaldi per fronteggiare la crisi

    Reggio: Confesercenti da il via i supersaldi per fronteggiare la crisi

    Di seguito la nota  di Confesercenti: Ancora pochi giorni e prenderanno il via i saldi estivi in tutte le Regioni italiane. Dopo l’anteprima di Basilicata e Molise, che hanno aperto le danze ieri, a partire dal prossimo 7

    luglio inizieranno ufficialmente le vendite scontate, anche in Calabria, che quest’anno promettono grandi affari.
    “Non abbiamo bisogno di suggerimenti: siamo perfettamente consapevoli della situazione attuale dei consumi. Per questo ci saranno supersaldi, con sconti anche superiori agli anni precedenti  – anticipa Ciccy Cannizzaro, Vice- Presidente Nazionale della Fismo, l’Organizzazione del settore moda di Confesercenti – per la necessità di rientrare in qualche modo dell’effetto devastante della crisi economica sui consumi”.
    Negli ultimi mesi i negozi di abbigliamento hanno registrato un calo medio delle vendite di circa il 20 per cento ed i magazzini si sono gonfiati. “Le imprese sono in ginocchio, oltre al calo del fatturato hanno dovuto fronteggiare l’aumento di costi ed hanno fatto i salti mortali per mantenere l’occupazione, patrimonio vero delle imprese” spiega Ciccy. “Ora speriamo con i saldi di recuperare un andamento stagionale tutt’altro che roseo. D’altra parte per gli esercenti diventa sempre più difficile riuscire ad alzare le saracinesche ogni mattina per la mancanza di redditività, visto che spesso i costi di gestione superano gli incassi realizzati. C’è da augurarsi che queste vendite diano una boccata d’ossigeno alle imprese dell’abbigliamento e consentano anche alle famiglie di tornare a fare acquisti e di aggiornare i guardaroba”.
    Ma soprattutto – conclude il Vice- Presidente della Fismo – c’è da sperare che non venga attuato il previsto aumento dell’Iva, ma che si incentivino i consumi delle famiglie, per non  affossare definitivamente il settore distributivo dell’abbigliamento  e creare un danno enorme all’economia italiana”.

     

    Raccomandiamo ai colleghi ed ai consumatori il rispetto delle norme e delle regole.