• Home / ARCHIVIO / Catania / Reggio: ad Agraria quattro Master per la formazione di nuove figure professionali

    Reggio: ad Agraria quattro Master per la formazione di nuove figure professionali

    masteragraria
    di Stefano Perri
    – Saranno a breve attivati i quattro i Master organizzati dalla Facoltà di Agraria all’interno della sua variegata offerta formativa. La scadenza per iscrizione è stata prorogata al 17 giugno 2011 alla luce di importanti novità in ambito regionale.

    A presentarli è il Preside della Facoltà Santo Marcello Zimbone durante una conferenza stampa convocata dopo la pubblicazione del bando da parte della Regione Calabria per il finanziamento di Voucher per la partecipazione a master e dottorati con una dotazione complessiva di 8 milioni di euro. Le domande per l’ammissione al bando regionale potranno essere presentate secondo le modalità indicate nel bando fino al completo esaurimento della somma. Possono partecipare i laureati residenti in Calabria con età fino a 35 anni e con un reddito familiare non superiore a 35.000 euro (attestazione ISEE 2009), che corrisponde in genere a 80 mila euro lordi. Il rimborso massimo finanziabile e’ di 20.000 euro, elevabili di altri 6.000 euro per gli studenti disabili.
    La novità della pubblicazione del bando, attualmente scaricabile sul sito della Regione Calabria, è un incentivo importante per la partecipazione ai Master. Un finanziamento che lo stesso Preside di Agraria Zimbone definisce importante viste le ingenti risorse destinate, 8 milioni di euro, che dovrebbero coprire l’intero ambito formativo regionale in termine di master e dottorati. Ulteriore opportunità viene offerta dal fatto, sottolinea Zimbone, che il bando finanzia non solo i costi di iscrizione ai Master ma anche le spese di mobilità di vitto e di alloggio necessarie ai partecipanti per la frequenza del master.
    Si amplia ulteriormente dunque l’offerta formativa della Facoltà di Agraria a Reggio Calabria. Un’offerta che si presenta sempre più variegata ed adeguata alle reali necessità formative in ottica di inserimento nel mercato del lavoro. “Previste attività nel campo agroalimentare ed agro ambientale – spiega il Preside Zimbone – settori sui quali la Facoltà reggina di Agraria ha da tempo investito in termini di ricerca e per i quali è crescente la domanda in termini professionali, anche in relazione alle nuove esigenze del mercato a livello regionale”.
    Scendendo nel dettaglio i Master verteranno su quattro ambiti specifici che sono maggiormente richiesti per la formazione di nuove figure professionali.
    “Biomasse ed energia: produzione, recupero e impiego di biomasse agroforestali, nuove energie per uno sviluppo sostenibile e competitivo”, coordinato dalla Professoressa Muscolo, che insisterà sull’utilizzo della biomasse come energia in un periodo in cui si infiamma il dibattito su un eventuale utilizzo dell’energia nucleare o delle cosiddette fonti alternative tra le quali, come gli studi della Professoressa Muscolo confermano, le biomasse potrebbero rappresentare una delle soluzioni più efficienti.
    “Qualità e sicurezza degli alimenti e frodi alimentari” è il secondo dei Master, diretto dalla Professoressa Russo e Coordinato dal Dottor Palmeri, teso all’individuazione di figure professionali con conoscenze specializzate inerenti a sistemi di qualità, chimica degli alimenti e tecniche analitiche per il controllo di qualità e salubrità degli alimenti. Figure professionali sempre più richieste da vari enti su scala regionale e nazionale che hanno il compito di garantire la salute in ambito alimentare.
    “Sistemazioni idraulico-agrarie e forestali per la mitigazione del rischio idrogeologico” coordinato direttamente dal Preside Zimbone. Il Master prevederà non solo le attività frontali tradizionali ma anche una serie di incontri che serviranno a mettere in relazione tutti gli enti che hanno responsabilità e funzioni nel campo della sistemazione idraulico-agraria. I partecipanti avranno la possibilità di collaborare ad una serie di project works per mettere immediatamente in pratica le conoscenze acquisite.
    “Tecnologie e Marketing delle produzioni alimentari tipiche”, diretto dal Professor Mincione, il cui obiettivo è quello dello sviluppo e del potenziamento delle produzioni tipiche calabresi in ambito internazionale. L’obiettivo è quello di riuscire a veicolare i prodotti, non solo in termini di commercializzazione ma anche sulle caratteristiche tecniche di conservabilità o di confezionamento che sarebbero utili ad una maggiore diffusione.