• Home / ARCHIVIO / Catania / Catania, rappresentante fallito: "Vendo rene per salvare famiglia"

    Catania, rappresentante fallito: "Vendo rene per salvare famiglia"

    catania.jpg

    ”Sono disposto a vendere un rene a chi ne avesse bisogno, cosi’ salvo la vita a qualcuno, ma nel frattempo spero di salvare la mia famiglia”. E’ il drammatico appello di un rappresentante di commercio che ”e’ fallito” per ”la concorrenza sleale di cinesi e indiani” ma ”non riesce a rubare”, lanciato con una lettera aperta

    inviata al quotidiano La Sicilia di Catania, che l’ha pubblicata. ”Sono un padre di famiglia di 55 anni che da 40 lavora per contro proprio e cinque anni fa sono riuscito a realizzare il sogno mio e di mia moglie: comprare una casa – si legge nella missiva – Poi e’ cominciata la crisi e per andare avanti combattendo la sleale concorrenza di extracomunitari mi sono ritrovato a non potere piu’ andare avanti, anche perche’ la mia clientela cominciava a non pagare per lo stesso motivo”. Lo scorso anno l’uomo ha smesso di lavorare in proprio ed ha cercato un impiego da dipendente ma ha ricevuto ”le solite risposte: ‘lei e’ grande’ o ‘c’e’ crisi”. ”La Costituzione – conclude – dice che il lavoro e’ un diritto, ma pare che oggi in Italia l’unico diritto al lavoro e’ per gli extracomunitari, e io, credetemi, sono disposto a qualsiasi tipo di lavoro”. (ANSA).