• Home / ARCHIVIO / Catania / Catania: la prima dello spettacolo "One" ispirato "A chorus line"

    Catania: la prima dello spettacolo "One" ispirato "A chorus line"

    In Sicilia come a Broadway. Parte dal capoluogo etneo la mini tournèe siciliana dello spettacolo “One”, prodotto dall’Accademia Internazionale del Musical di Catania e ispirato al famoso musical “A Chorus Line” andato in scena per la prima volta a Broadway nel 1975. Un grande appuntamento che si terrà il prossimo 27 giugno nel suggestivo chiostro dell’Istituto per Ciechi “Ardizzone Gioeni”, in via Etnea 595, a cui tra l’altro verrà devoluto in beneficenza il ricavato della serata.Sul palco una ventina di giovani artisti siciliani pronti a confrontarsi con il pubblico dopo aver frequentato con costanza e assiduità i corsi dell’accademia diretta da Enrico Sortino, Rossella D’Angelo e Dario Conti.Un vero e proprio evento che per l’occasione sarà aperto dall’esibizione di una giovanissima artista non vedente di origine catanese. Si tratta di Ellenia Calvino, che salirà sul palco aprendo il musical naturalmente recitato, ballato e cantato rigorosamente dal vivo, con la regia di Antonio Caruso, le coreografie di Dario Conti, i costumi di Giulio Villaggio. Ad Ellenia, 12 anni, il compito di proiettare il pubblico all’interno della storia che narra delle rigide selezioni che compie un regista alla ricerca di ballerini per la coreografia di un nuovo musical.“One” diventa così un musical nel musical, mettendo in evidenza il non facile percorso degli artisti all’interno del selettivo mondo dello spettacolo, dove, tra lacrime e sorrisi, saranno tante le emozioni. “Questo grande musical sarà per tutti noi una vera e propria scommessa – spiega il direttore artistico Enrico Sortino – Una scommessa lanciata nella formazione, direttamente in Sicilia, degli artisti che intendono avvicinarsi al mondo dello spettacolo. Un mondo che racconteremo in questo musical, aperto da un’altrettanto brava Ellenia Calvino, giovanissimo talento catanese. Lei non vede con gli occhi, ma vede col cuore, quanto speriamo accada al pubblico che interverrà”.