Home / CALABRIA / Da Giovedì la Regione Calabria partecipa al Salone del Gusto di Torino

Da Giovedì la Regione Calabria partecipa al Salone del Gusto di Torino

La Regione Calabria prenderà parte, da giovedì a lunedì prossimo, alla dodicesima edizione di Salone del Gusto Terra Madre di Torino, la più importante manifestazione biennale dedicata al cibo ed alla tutela del pianeta.

La partecipazione della Regione alla fiera, che si terrà al Lingotto di Torino, è curata dal Dipartimento Agricoltura e Risorse agroalimentari e dall’Arsac, l’Agenzia Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura. Saranno diciotto le aziende calabresi che porteranno a Torino i prodotti di qualità calabresi da promuovere e valorizzare insieme ai territori di origine. Alla manifestazione, inoltre, prenderanno parte anche i rappresentanti dei Consorzi di Tutela e dei presidi Slow Food.
Lo stand istituzionale della Regione Calabria, che sarà posizionato nel padiglione tre, ospiterà una serie di eventi durante i quali sarà puntata l’attenzione non solo sulla qualità e la bontà delle produzioni agroalimentari calabresi, ma anche su un nuovo modo di intendere l’agricoltura e la gastronomia. La tutela dell’ambiente e della terra, dunque, attraverso un’agricoltura sana e rispettosa, il risparmio del cibo, la sostenibilità, la valorizzazione della straordinaria biodiversità calabrese. Saranno numerosi, infatti, i momenti di confronto su questi ed altri temi, moderati da giornalisti di fama nazionale, quali Federico Quaranta, Angela Frenda, Eleonora Cozzella, Maurizio Pescari.
Gli incontri, inoltre, saranno arricchiti dagli show cooking curati dalla Federazione Italiana Cuochi e dalle degustazioni guidate dei prodotti calabresi previste nelle cinque aree dedicate (panetteria/salumeria/ formaggeria, pasticceria, bar/cocktail, enoteca/birre artigianali, oleoteca).
“La Calabria partecipa a Salone del Gusto Terra Madre di Torino – ha affermato il Presidente della Regione Mario Oliverio – non solo per favorire ulteriormente l’affermazione delle nostre produzioni di qualità e dei nostri territori, ma anche per diffondere la consapevolezza del fatto che attraverso il cibo e le scelte responsabili di produttori e consumatori, si può cambiare il pianeta. La nostra regione, non a caso, oltre ad essere la seconda in Italia per produzioni biologiche, è stata la prima a vietare l’uso del glifosato in agricoltura – ha precisato Oliverio – per preservare la qualità dei cibi, tutelando la salute dei consumatori e la salubrità dei territori. A Salone del Gusto promuoveremo anche il recupero e la tutela delle nostre tradizioni, attraverso il progetto dei borghi calabresi e la valorizzazione delle aree interne ”.
“A Torino faremo in modo di promuovere la più ampia conoscenza possibile della qualità dei prodotti della nostra terra – ha affermato il Consigliere regionale delegato all’Agricoltura Mauro D’Acri – Dialogheremo con i visitatori e creeremo momenti di confronto con i buyers provenienti da tutto il mondo per favorire il cambiamento delle abitudini alimentari delle persone e la consapevolezza dell’importanza di cosa acquistare e portare sulla propria tavola. Scegliere un alimento piuttosto che un altro – ha sottolineato D’Acri – significa pensare anche al futuro nostro e della nostra terra, all’equità sociale, all’economia ed alla politica”.
“Siamo soddisfatti che diciotto aziende d’eccellenza dell’agroalimentare calabrese abbiano aderito alla partecipazione a Salone del Gusto – ha affermato il Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura Giacomo Giovinazzo – il Dipartimento, infatti, sostiene un nuovo modo di intendere la partecipazione alle fiere, che faccia dell’aggregazione e della condivisione i principi fondamentali, in quanto puntiamo a promuovere, attraverso le produzioni di qualità, l’immagine dell’intera Calabria, terra ricchissima sia dal punto di vista dell’agroalimentare, che di antiche tradizione e luoghi incantevoli da scoprire”.

Leggi qui!

Oliverio inaugura il Centro Pastorale “San Tarcisio” a Calopezzati

Era una struttura dell’Asp costruita ben 18 anni fa, nel lontano 2000, che non era …