• Home / Sport / Reggina / Reggina, tre obiettivi per l’attacco: qualcuno, da qualche parte, è di troppo

    Reggina, tre obiettivi per l’attacco: qualcuno, da qualche parte, è di troppo

    Le immagini di Sarnano raccontano di un Jeremy Menez sorridente ed ispirato.   Voglioso di allenarsi e protagonista di giocate degne di nota.  Situazioni che rendono forse meno semplice quello che, prima dell’arrivo di Baroni, sembrava un destino ineluttabile: l’addio con il francese.

    E adesso?  Bisogna incastrare la situazioni relative ad obiettivi di mercato e chi in rosa già c’è.   La Reggina ha tre obiettivi di mercato e tre attaccanti in rosa, volendo identificare quei calciatori che nel 4-4-2- di Aglietti giocherebbero da riferimenti offensivi.

    C’è Jeremy Menez, per il quale le richieste non mancano, Adriano Montalto e German Denis.   A livelli di obiettivi figurano  Di Carmine, Asencio e Brignola.   Considerando il Tanque intoccabile ed evidentemente candidato ad un uso non massivo, ma gestito a dovere, si può immaginare che la Reggina avrà quattro attaccanti.

    Proprio l’argentino, dovendo valutare i sei citati, è l’unico di giocare nella Reggina nella prossima stagione.  Nel caso di chi c’è già saranno fatte valutazioni, nel caso di chi potrebbe arrivare saranno le contingenze del mercato a determinare le scelte.  Anche perché operazioni come Di Carmine ed Asencio non sono così semplici da portare a termine.

    Le uniche due potenziali seconde punte vere sarebbero proprio Menez e Brignola, che arriverebbe in prestito dal Sassuolo.   A testimonianza di come, nelle valutazioni finali, inciderà anche la necessità di comporre un attacco che offra risposte adeguate in termini di eterogeneità degli eventuali componenti.

    Si può, senza dubbio, esporre il cartello “Lavori in corso”.